Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 466 msec - Sono state trovate 16754 voci

La ricerca è stata rilevata in 68713 forme, per un totale di 51924 occorrenze

1° Edizione
Diz Giu. totali
68612 101 68713 forme
51858 66 51924 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
160) Dizion. 1° Ed. .
A
Apri Voce completa

pag.1



2) id: 44fcd69b8ca148cda7fe137bcd7db445)
Esempio: G. V. 11. 129. 1. Avendo, ec. a mano il trattato, con M. Mastin della Scala, di comperar da lui la città di Lucca.


3) id: 73b0d5febb754a7e85ca98d177c58bf7)
Definiz: in vece di PER, o TRA.
161) Dizion. 1° Ed. .
A
Apri Voce completa

pag.1



2) id: 033b8461d246415699d4f7245320cd1a)
Definiz: ¶ Diciamo, OGGI A OTTO, DOMANE A OTTO [cioè dopo domane, o oggi, otto dì] Lat. octavo ab isto die, octavo a crastino die.


3) id: 6ca47f1ccfee4f0a947ebd9ac2238534)
Definiz: in vece di DOPO, con l'avverbio di tempo avanti: come,


4) id: 82cbfd9c96cd4b22bd2a460ac0ce9e06)
Esempio: Bocc. Introd. num. 2. A questa breve noia, ec. seguita prestamente la dolcezza.


5) id: 624b7a91306148778ae0876c06843649)
Esempio: Bocc. nov. 43. 21. Poi, ivi a' pochi dì, si trovò con la Ninetta.
162) Dizion. 1° Ed. .
A
Apri Voce completa

pag.1



2) id: 3b220c123e664b66a49549859e3d2792)
Esempio: Dan. Purg. 4. Volti a Levante, ove eravám saliti.


3) id: d381fd48773a49e3a075af9e25611a32)
Esempio: Tes. Br. 2. 49. Ver quella tramontana, a cui quella faccia giace.


4) id: 6a27a48f3f4a436ababdd457472d74bc)
Esempio: Bocc. nov. 69. 15. Credendo non altramente esser fatta la sua affezione a Nicóstrato.


5) id: cf776c871fbe40d5831ead096ffbb1be)
Esempio: Bocc. n. 77. 32. La donna montata in su la torre, e a Tramontana rivolta.
163) Dizion. 1° Ed. .
A
Apri Voce completa

pag.1



2) id: 406af6fb8a8e4c539426081d0d2bb2c4)
Esempio: Bocc. nov. 87. 2. Intanto, che a senno di niuna persona voleva fare alcuna cosa, ne altri far la poteva a suo.


3) id: 50f669136f5f43f19b1ee98945931e8c)
Esempio: E Bocc. nov. 85. 20. Lasciamiti prima vedere a mio senno.


4) id: 68c361b4f4f64710955ab6f4bb2180b5)
Esempio: E Bocc. nov. 19. 23. Racconciò il farsetto a suo dosso.


5) id: 12800d3de2fc4b2d82c9926eb168bf70)
Definiz: in vece di SECONDO. Lat. ex, iuxta.
164) Dizion. 1° Ed. .
A
Apri Voce completa

pag.1



2) id: f1d415cceeb44f049f864acee1fb4a0a)
Esempio: N. ant. 46. 1. Tolse per moglie una gentildonna della terra: menolla, e fece a due mesi una fanciulla. Lat. duobus exactis mensibus.
165) Dizion. 1° Ed. .
A
Apri Voce completa

pag.1



2) id: 0588b07f6cbb408a991cc076ff3b20be)
Esempio: Boc. n. 31. 12. Dolente a morte alla sua camera si tornò.
166) Dizion. 1° Ed. .
A
Apri Voce completa

pag.1



2) id: 98970db28f6c4ce2907ae6ec097d74ce)
Esempio: E Bocc. nov. 71. 10. A coda ritta ci venisti, a coda ritta te n'andrai [cioè con la coda]


3) id: 9e7a386b4d35475789c5a1b1cd104525)
Esempio: E Bocc. nov. 98. 12. Se tu non fossi di conforto bisognoso, come tu se, io di te a te medesimo mi dorrei.


4) id: 413bba413f734058b0ca51c60c16e88d)
Esempio: G. V. 4. 33. 3. Ricevuti tutti a grandissimo onore.


5) id: e0d02efeb3b6438a9a871649d206cf73)
Esempio: Dan. Par. 11. E comandò, che l'amassero a fede [cioè con fede]


6) id: f0afe75786314a0d845b020807ef83c4)
Esempio: E Dan. Inf. c. 9. Batténsi a palme, e gridavan sì alto.


7) id: a2e372f876c74a858dd6c9c278578635)
Esempio: Bocc. n. 72. 5. In un suo orto, ch'egli lavorava a sue mani.


8) id: 862b9ac109664c389499ded85927c8f1)
Esempio: Boc. n. 44. 12. Se egli si vorrà a buon concio da me partire.


9) id: f10da6e989054bc18006ca710d9e31d6)
Definiz: Pigliasi ancora in vece di CON.


10) id: a340c3859bb44986b9e90fc6cd7013a3)
Esempio: E Bocc. n. 79. 45. Vi dea tanti mal'anni, che voi siate morto a ghiado.


11) id: 7ae6e1a0d0ce4fe6abaddbd050af1a09)
Esempio: N. ant. 65. 3. Io andava, per gran bisogno, in servigio della mia donna: e il Re fu giunto, e disse. Cavaliere, a qual donna se tu? Ed egli rispuose. Sono alla Reina di Castella [cioè con qual donna stai tu?] Sto con la Reina: che è lo stesso, che diciamo oggi, stare a padrone [cioè con padrone]


12) id: f4ecedfb4290486085ac7f3a87c65244)
Definiz: ¶ L'uso dice Fare un'orto, o un podere a sua mano, che è pagar chi lo lavora, per aver per se tutti i frutti.


13) id: 67b2c249317340c28d1f500bb118b6ba)
Esempio: G. V. 4. 3. 2. E trovasi, che Carlo Magno portò mezza l'arme dello 'mperio, ch'è campo ad oro [cioè con oro] Oggi, messo a oro, o, messo d'oro.
167) Dizion. 1° Ed. .
A
Apri Voce completa

pag.1



2) id: a9a635d1692a46e0827c7f98fcae6673)
Esempio: Dan. Purg. c. 6. E disse al Duca andiamo a maggior fretta [cioè in maggiore, o con maggior fretta]
168) Dizion. 1° Ed. .
A
Apri Voce completa

pag.1



2) id: 6cf69e85583342b194facee59c734a52)
Esempio: N. ant. 74. 3. Allora gli restituì a speranza dell'altra maggiore accomandigia.


3) id: 680225da195948b1be71d06c0de16c6d)
Esempio: Petr. canz. 4. 1. E mi fece obbliar me stesso a forza.


4) id: 8f15da44a2eb488dbcb2f7c1a2fb579f)
Esempio: E N. ant. nov. 32. 1. Vivea molto ad agura, a guisa Spagnuola [cioè con aguri, o per via d'aguri]
169) Dizion. 1° Ed. .
A
Apri Voce completa

pag.1



2) id: d9908524f6bc4f0daf92b90e318638bc)
Definiz: Per CON, o DI.


3) id: 5f86577304c84d7bb246b9216593ad10)
Esempio: N. ant. 2. 2. Cotanto dico, che 'l cavallo è nutricato a latte d'asina.
170) Dizion. 1° Ed. .
A
Apri Voce completa

pag.1



2) id: 10e2d4d4a33d4a72a11ce394f125f561)
Esempio: Tavol. dicer. Noi siamo tanti, che tutti li potemo tosto acchiudere: non ci converrà guari combattere a sì poca gente.
171) Dizion. 1° Ed. .
A
Apri Voce completa

pag.1



2) id: 5581d176cfe94e34b170f717a8d7e55e)
Esempio: Boc. n. 72. 5. A otta a otta la presentava [cioè di quando in quando]


3) id: fd549c52ed2b47e5a6a1a35424f44af1)
Definiz: Per DI, con la corrispondenza dell'IN.
172) Dizion. 1° Ed. .
A
Apri Voce completa

pag.1



2) id: 4c7cc71b01f84b888c6731a567f23dfd)
Esempio: Boc. g. 7. p. 3. I pesci notar vedean per lo lago a grandissime schiere.
173) Dizion. 1° Ed. .
A
Apri Voce completa

pag.1



2) id: 003c852504494e3f845024c6da39c5e8)
Esempio: N. ant. 8. 2. Non vendéo ben la mattina, recolsi a mal'agura, e a noia [cioè in mal'agura, e per mal'agura]


3) id: 27c7ff3907d640c2bcba6e54ea493197)
Esempio: Dan. Purg. 7. Per quanto ir posso a guida mi t'accosto.


4) id: 968101a5b40e4b04a429bc65499dc51c)
Esempio: N. ant. 2. non mi rispondere a grado, dimmi sicuramente la verità.


5) id: 4a8040d8bcc34090a89f6aa478624f5f)
Esempio: G. V. lib. 5. 3. 3. Il fece eleggere a Re de' Romani.


6) id: 9c51ab901aec4c96b7391415d7d6506e)
Esempio: E G. V. cap. 32. 2. Ritegnendo a loro l'amministragione d'ogni altra cosa del Comune [cioè in loro o per loro] L. pro se.
174) Dizion. 1° Ed. .
A
Apri Voce completa

pag.1



2) id: 9a6d7a8e8eb84879bfdaf5011cc082c4)
Esempio: Dan. Purg. 6. Vero è, ch'io dissi a lui, parlando a giuoco [cioè in giuoco, da giuoco, o per giuoco] Lat. ioco.
175) Dizion. 1° Ed. .
A
Apri Voce completa

pag.1



2) id: cc03ecb3199140fc80bb43203bc1fe0b)
Esempio: N. ant. 75. 2. Il cavallo era duro, e il fante, non potendolo tener neente, si dirizzò verso il padiglione del Soldano, a sua gran forza.
176) Dizion. 1° Ed. .
A
Apri Voce completa

pag.1



2) id: 5101ec9b339745678b2c00036728ed83)
Esempio: N. ant. 65. 8. Or come ebbe tutto affettáto, e a fetta a fetta cercato [cioè una fetta dopo l'altra, e a fetta per fetta] Lat. frustillatim.
177) Dizion. 1° Ed. .
A
Apri Voce completa

pag.1



2) id: 4f81d2bc06df4e2d8b2b4cd5b9ac678b)
Esempio: Liv. M. Gridò a corr'huomo: Signori cavalieri soccorretemi.


3) id: 19f45070ec4240eda6533d142967b58b)
Esempio: E Liv. M. altrove. La bália cominciò a gridare a corr'huomo, soccorrete, buona gente, soccorrete [cioè sì che huom corra] in lat. si direbbe vehementer.
178) Dizion. 1° Ed. .
A
Apri Voce completa

pag.1



2) id: a88bf9c8d9a14d238e62d3fe568c5541)
Definiz: aggiunta a' verbi, alcuna volta diversifica loro il significato, come: COMANDARE ACCOMANDARE: TENERE ATTENERE: COSTARE ACCOSTARE: METTERE AMMETTERE. Alcuna volta lo diversifica, e lo mantiene, come: BATTERE ABBATTERE: OPERARE ADOPERARE. Alcuna volta mantiene appunto lo stesso, come: OMBRARE ADOMBRARE: CUMULARE ACCUMULARE. Alcun'altra accresce lor forza, come: BARBICARE ABBARBICARE.
179) Dizion. 1° Ed. .
A
Apri Voce completa

pag.1



2) id: 0757bbd10de7438f89d0b4977ee8dbae)
Definiz: Aggiunta a' nomi, opera il medesimo, che ne' verbi, come BATTIMENTO ABBATTIMENTO: CUMULAMENTO ACCUMULAMENTO: BARBICAMENTO ABBARBICAMENTO. Eziandio aggiunta, ma non affissa, a' predetti nomi, di lei, e di lor si forma una locuzion, ch'ha forza d'avverbio, come: A MIGLIAIA, A MARTELLO, A RUBA, A ROMORE, A MAN SALVA, e sì fatti, de' quali, come de' soprallegati, favelleremo, co' loro esempli, a' lor luoghi.