Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 466 msec - Sono state trovate 6087 voci

La ricerca è stata rilevata in 15472 forme, per un totale di 9383 occorrenze

1° Edizione
Diz Giu. totali
15468 4 15472 forme
9381 2 9383 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
1) Dizion. 1° Ed. .
TRADITRICE
Apri Voce completa

pag.896



1) id: db997378305f4e72ab061ad3c0182f3c)
Esempio: Rime ant. Pier delle vigne. Traditrice ventura, Perchè mi ci menasti?
2) Dizion. 1° Ed. .
AFFRETTOSO
Apri Voce completa

pag.27



1) id: 076e8f12a0634efca0618425bcd3bb7d)
Esempio: M. Pier. delle vigne, rim. ant. P. N. Ingressa m'è la morte, per affrettosa sorte.
3) Dizion. 1° Ed. .
DISMARRIMENTO
Apri Voce completa

pag.284



1) id: 2c42ba8986e94f38be47af1c92b51844)
Esempio: Rim. ant. P. N. M. Piero delle Vigne. Membrando ciò ch'Amor mi fa soffrire, E sento dismarrimento, Ond'io sono al morire.
4) Dizion. 1° Ed. .
APPORRE
Apri Voce completa

pag.65



1) id: a423c7f715fe481b84432334b3b2b672)
Esempio: G. V. 6. 23. 2. Fece abbacinare il savio huomo, Maestro Pier delle vigne, apponendogli tradigione.


2) id: 1518abc421d149c8acf79bbe288b8c0d)
Definiz: Abbiamo in proverbio. Far caselle per apporsi: che è aggirare altrui con parole, per cavargli di bocca quel ch'huom disidera: tratta la metafora degli abbachisti, E caselle, sono certi piccoli spazi compresi da quattro linee, dentro a' quali si scrivon numeri, per certificarsi delle ragioni.
5) Dizion. 1° Ed. .
DETTATORE
Apri Voce completa

pag.257



1) id: a488076d29c64dcc87b24d68864e4289)
Esempio: G. V. 6. 23. 2. Fece abbacinare il savio huomo Maestro Pier delle Vigne il buon dettatore.


2) id: 7349693ad0254c70805b432c945df5f3)
Esempio: G. V. lib. 8. 210. 2. M. Brunetto Latini, ec. fu dettatore del nostro Comune.
6) Dizion. 1° Ed. .
OBBLIANZA
Apri Voce completa

pag.564



1) id: 31839db63df34d0c8afa0bbb104e9ac2)
Esempio: Amm. ant. Rimedio delle ingiurie è l'obblianza.
7) Dizion. 1° Ed. .
PURGATIVO
Apri Voce completa

pag.666



1) id: 7679dd10f8984862b36b987442c24742)
Esempio: Amm. ant. Autore delle medicine purgative Avicenna.
8) Dizion. 1° Ed. .
ORZAIUOLO
Apri Voce completa

pag.579



1) id: affc0c28fad64db6aec6346945e7368d)
Esempio: M. Pier. da Reggio. L'aglio fa nascer l'orzaiuolo nell'occhio.
9) Dizion. 1° Ed. .
OZIOSITA
Apri Voce completa

pag.583



1) id: 83398aaefe314f1c94100e9fed990ead)
Esempio: Amm. ant. L'oziosità è madre delle ciance, e matrigna delle virtù.


2) id: b7523d68fe814c149961cfba69e12fab)
Esempio: E Amm. ant. di sotto L'oziosità ha insegnata molta malizia.
10) Dizion. 1° Ed. .
ROGATORE
Apri Voce completa

pag.732



1) id: 5295340eada344a6888c1c77f881d681)
Esempio: M. V. 9. 48. E delle carte ne fu rogatore Ser Pier di Ser Grifo da Pratovecchio, notaio delle riformagioni.
11) Dizion. 1° Ed. .
GUADAGNO
Apri Voce completa

pag.405



1) id: c214fd8407f4457e8fc9ef1e32b6a883)
Esempio: M. Pier da Reggio P. Innanzi danno, che mal guadagno.
12) Dizion. 1° Ed. .
SETATA
Apri Voce completa

pag.792



1) id: 6cfd688d528648d3a19b7ff2537470df)
Esempio: M. Aldobr. Con riscaldamento delle piante de' piedi, delle palme delle mani, e con grandi setate.
13) Dizion. 1° Ed. .
MATRIGNA
Apri Voce completa

pag.515



1) id: 4a72e1984023411e87054bd1405de57b)
Esempio: Amm. ant. Per metaf. L'oziosità è madre delle ciance, e matrigna delle virtù.
14) Dizion. 1° Ed. .
OTTIMISSIMO
Apri Voce completa

pag.583



1) id: 3fec09cd006a492c9e3d5e31192ce60c)
Esempio: Amet. 70. Coperto di vigne portanti vino ottimissimo.
15) Dizion. 1° Ed. .
ABBACINARE
Apri Voce completa

pag.3



1) id: 8948816c143246f3892db474a8afaed4)
Esempio: E G. V. lib. 6. 23. 2. Fece abbacinare il savio huomo maestro Piero delle vigne, il buon dettatore.


2) id: 14fa96faae7240daa8c6ea4687003c7b)
Esempio: Lor. M. canz. Non vorrà, che questi fiori, Sempre mai stieno a bacío.
16) Dizion. 1° Ed. .
M
Apri Voce completa

pag.496



2) id: 02114fcb1fc04871a4e949d4c8306aca)
Definiz: lettera, sorella della N, prendendosi in cambio di essa, seguitandone B, o P, per miglior pronunzia, come LEMBO, EMPIO. Delle consonanti, nel mezzo della parola, ma in diversa sillaba, riceve dopo di se, il B, e 'l P, come GREMBO, AMPIO. Consente similmente in mezzo di parola, e in diversa sillaba, la L, R, S, come ALMA, ORMA, RISMA, quantunque la S si truovi di rado nel mezzo della parola, e sarà, per lo più, ne' verbi composti, con la preposizione DIS, come DISMETTERE: ma nel principio è più frequente, come SMANIA, SMARRITO. Profferiscesi la S, innanzi alla M, nel secondo modo, cioè, con sottil suono, e rimesso, come nella voce ROSA, conforme a quello, che si dice nella lettera S. Raddoppiasi nel mezzo della parola, quando egli occorre, come FEMMINA, MAMMA, ec.
17) Dizion. 1° Ed. .
VIGNETO
Apri Voce completa

pag.938



1) id: f87126f06d3d4edcb867275ec616d879)
Definiz: Luogo di vigne, e la vigna stessa. Lat. vinetum.
18) Dizion. 1° Ed. .
MIRABOLANO
Apri Voce completa

pag.532



1) id: a08251da0c1a491bbd98d59a91aeb95f)
Esempio: M. Pier. da Reggio. Usare continuamente li mirabolani condíti è somma medicina.
19) Dizion. 1° Ed. .
MENTASTRO
Apri Voce completa

pag.521



1) id: dff24da9f8434c878bc969bc6b9f97c8)
Esempio: M. Pier. da Reggio. Lo mentastro è lo miglior dentellier, che sia.


2) id: 394fb2bd689247b896ef2fe8ad317851)
Esempio: Cr. 6. 30. 1. Il calamento è di due fatte, aquatico, e di monte. L'aquatico s'appella mentastro, quello delle montagne si chiama nepitella.
20) Dizion. 1° Ed. .
MANGANELLA
Apri Voce completa

pag.506



1) id: 281783ab894b434a9b4692cd75d24211)
Esempio: Liv. M. Che vi dirò io delle torri, delle manganelle, e degli altri ingegni?