Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 693 msec - Sono state trovate 8233 voci

La ricerca è stata rilevata in 21112 forme, per un totale di 12772 occorrenze

3° Edizione
Diz Giu. totali
20872 240 21112 forme
12639 133 12772 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
1) Dizion. 3° Ed. .
DISSIPARE
Apri Voce completa

pag.556



1) id: 11a44fd547fd4ad4b53bdb8c47d23076)
Esempio: Liv. Dec. 1. E quindi tutti furono dissipati.
2) Dizion. 3° Ed. .
DEDIZIONE
Apri Voce completa

pag.484



1) id: def9451456174b38ba3556c64c5ebe25)
Esempio: Liv. dec. 1. Non disperava d'avergli con volontaria dedizione.
3) Dizion. 3° Ed. .
DISPREZZEVOLMENTE
Apri Voce completa

pag.554



1) id: e8669ab7946c4a9bb2c59bf9e784c174)
Esempio: Liv. Dec. 1. Queste cose gli Duchi disprezzevolmente riprendevano.
4) Dizion. 3° Ed. .
RINOMINARE
Apri Voce completa

pag.1379



1) id: 6c1d2b180c73473aa3ef8079abee405d)
Esempio: Liv. Dec. 1. In tutte le nozze l'huomo rinominava Talassio.
5) Dizion. 3° Ed. .
DISFACIMENTO
Apri Voce completa

pag.541



1) id: 29a34ab5a28d46028a553f56e47cca2c)
Esempio: Liv. Dec. 1. E presso al finale disfacimento si pervenne.
6) Dizion. 3° Ed. .
PREGHEVOLE
Apri Voce completa

pag.1247



1) id: d49ec8134a3041cf95d2b2543594acb1)
Esempio: Liv. Dec. 3. Umile, e preghevole voce.
7) Dizion. 3° Ed. .
LUSINGANTE
Apri Voce completa

pag.975



1) id: 74405d13d30f4aa7accffe58708b40b5)
Esempio: Liv. Dec. 3. Puerilmente lusingante il padre.
8) Dizion. 3° Ed. .
CINQUENNIO
Apri Voce completa

pag.337



1) id: c676dc4f112d40b6ad0cc922c3c3c2ab)
Esempio: Liv. Dec. 3. Infino al prossimo cinquennio.
9) Dizion. 3° Ed. .
SOZZAMENTE
Apri Voce completa

pag.1571



1) id: ebb13ecbbb2f4fc1ac329c4ec993c500)
Esempio: Liv. dec. 3. Nelle navi sozzamente morirono.
10) Dizion. 3° Ed. .
R
Apri Voce completa

pag.1303



2) id: f1df56568a984c2bae845019acf705e7)
Definiz: Lettera di suono aspro, e nelle voci, dove è raddoppiata, e frequentata, denota sempremai rigidezza. Consente dopo di se tutte le consonanti nel mezzo della parola, in diversa sillaba: come Garbo, Barca, Perdono, Forfora, Organo, Orlo, Arme, Ornare, Serpe, Tarquinio, Verso, Corte, Nervo, Sferza; e in tutti questi luoghi ritiene il suo intero suono. Ammette avanti di se nel principio, e nel mezzo della parola, e nella sillaba, la consonante B, C, D, F, G, P, T, V, e fa perder loro alquanto di suono: come Braccio, Ambra, Crusca, Increspato, Drago, Androne, Fragola, Refriggerio, Grato, Agro, Prato, Rappresaglia, Trave, Intrecciato, Cavretto, Sovrano; ma l'v è quasi sempre in mezzo nella parola. Nel principio della parola riceve ancora la S, come Sradicare, e la S si pronunzia nel suono più rimesso, quale nella voce Accusa, di che alla lettera S. Raddoppiasi nel mezzo della parola frequentemente, come Carro, ec.
11) Dizion. 3° Ed. .
DISFINIRE
Apri Voce completa

pag.542



1) id: aeb482f572e445978fddfeae68b5327f)
Esempio: Liv. Dec. 1. Il primo romore, ed impeto disfinì la bisogna.
12) Dizion. 3° Ed. .
DESTRO
Apri Voce completa

pag.493



1) id: 8a754b3d4ca9420589d19f6c9ba525fd)
Esempio: Liv. Dec. 1. Essendogli venuto il destro, e avendone alquanti uccisi.
13) Dizion. 3° Ed. .
B
Apri Voce completa

pag.187



2) id: 0e7a24777b97460fb1f47005a78e4da5)
Definiz: Lettera assai simile al P, e all'V, consonante, dicendosi molte voci coll'una, e coll'altra scambievolmente: come Serbare, e Servare: Nerbo, e Nervo: Boce, e Voce: Pubblico, e Piuvico. Delle consonanti riceve dopo di se, nella medesima sillaba la L, e la R, e vi perde alquanto di suono, come, Obbligo, Pubblico, Braccio, Ombra, benchè, colla L, di rado si truovi appresso i Toscani, ne mai in principio di parola, come pronunzia a loro più strana, salvo alcune voci Latine, come, Blando, Blandimento, ec. Consente avanti di se, in mezzo di parola, ma in diversa sillaba, la L, M, R, S, come Albume, Lembo, Erba, Usbergo, quantunque si trovi di rado colla S, in mezzo della parola, e, per lo più, ne' verbi composti colla proposizione Dis, come Disbrigáre. Usasi più frequentemente in principio di parola, come Sbandito, Sbattere. E deesi sempre la S, avanti al B, pronunziar col suon più sottile, o rimesso, come nella voce Accusa, di che si dice nella lettera S. Puossi raddoppiar nel mezzo della parola, quando egli occorre, come, Nebbia, Trebbio.
14) Dizion. 3° Ed. .
TEMERARIAMENTE.
Apri Voce completa

pag.1671



1) id: c6ff6de845e1462784c7a7d2f36d296d)
Esempio: Liv. Dec. 3. Venendo temerariamente, urtò li cavalli.


2) id: ebb15a97f44a4049bf22bcdd95a09af3)
Esempio: E Liv. dec. 3. appresso. Essendo temerariamente il cavallo mosso, poteva esser combattuto.
15) Dizion. 3° Ed. .
PECORAIO
Apri Voce completa

pag.1172



1) id: eb569edf45584b969ca34ea0d9e6249b)
Esempio: Liv. Dec. 3. Il pecoraio avea nome Faustulo.
16) Dizion. 3° Ed. .
SAETTAMENTO.
Apri Voce completa

pag.1424



1) id: 059245da813f44299cc1278e2ecb1c52)
Esempio: Liv. Dec. 3. Niuna lancia, o altro saettamento.
17) Dizion. 3° Ed. .
SPIATORE
Apri Voce completa

pag.1585



1) id: acaffce2948642e0af1ec88c214f4941)
Esempio: Liv. Dec. 3. Primieramente tenne maniera di spiatore.


2) id: abc1c22a9ec34042930c59420816f2e2)
Esempio: Red. Ins. 1. Sono i sensi tante vedette, e spiatori.
18) Dizion. 3° Ed. .
VEGNENTE, e VENENTE
Apri Voce completa

pag.1755



1) id: d11fde4afa4d4fc1b7a5dd40eb0fc2b5)
Esempio: Liv. dec. 3. L'anno vegnente furon fatti Consoli.


2) id: c72559f89a8e4406a1caae5c391ee9b4)
Esempio: E Cr. 10. 33. 1. E 'l lupo venente, volendo pigliar l'oca, o l'agnello, cade nella fossa.
19) Dizion. 3° Ed. .
GIAFOSSECOSACHÈ.
Apri Voce completa

pag.764



1) id: 7a93fa47e26245e58458dac3234bcc4a)
Esempio: Liv. Dec. 3. Giafossecosachè egli guernisse il comprendimento.
20) Dizion. 3° Ed. .
CAENDO
Apri Voce completa

pag.256



1) id: 945a8885f0f24cf8aa1e8401298b0de8)
Esempio: Liv. dec. 3. E perchè m'andate voi caendo?