Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 382 msec - Sono state trovate 283 voci

La ricerca è stata rilevata in 700 forme, per un totale di 356 occorrenze

3° Edizione
Diz Giu. totali
576 124 700 forme
293 63 356 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
260) Dizion. 3° Ed. .
PROVINCA
Apri Voce completa

pag.1276



1) id: 76b9b34d6685494eab018fb24c851789)
Definiz: Erba, che fa il fiore azzurro, con cinque foglie, a campanella, della quale vedi Mattiuol.
261) Dizion. 3° Ed. .
NITRO
Apri Voce completa

pag.1087



1) id: b99ec19866a048f8b940ca7676e24ed7)
Definiz: Spezie di sale, della cui natura, e qualità, leggi Mattiuol. Latin. nitrum. Gr. λίτρον νίτρον.
262) Dizion. 3° Ed. .
MUSCHIO
Apri Voce completa

pag.1068



1) id: 6159bce6c4414116ba9b0b9ac0ced276)
Definiz: §. Per Materia odorifera nota, della quale vedi Mattiol. Lat. moschus.
263) Dizion. 3° Ed. .
FERRAMENTO
Apri Voce completa

pag.673



1) id: ac33e4ab37834d20a056497a7b6152bb)
Esempio: Matt. Vill. 2. 14. E fornirono la terra di molta vittovaglia, e di balestra, e di saettamento, e di legname, e ferramenti, e di buoni maestri.
264) Dizion. 3° Ed. .
SPARARE
Apri Voce completa

pag.1573



1) id: 561ebc967b6b4bea9f3b3dd9f8e9cfad)
Esempio: Matt. Franz. Rim. Bur. Muovesi allora il cacciatore in fretta, E alla volta sua ne va tentone, Tanto che spari, e che gli dia la stretta.
265) Dizion. 3° Ed. .
MACERONE
Apri Voce completa

pag.979



1) id: 73aa86e9c35f4af482ec9d68f75d4802)
Definiz: Erba nota, la cui radíce, e le foglie si mangiano il verno nella 'nsalata, d'acuto sapore, ed aromatico. Latin. smyrnium, secondo 'l Matt. Grec.σμυρνήον σμύρνιον, πετροσέλινον.
266) Dizion. 3° Ed. .
LEVISTICO
Apri Voce completa

pag.954



1) id: 33b54f187b36409c878e5bca45a66887)
Definiz: Pianta, che produce il suo seme in ciocche, come 'l finocchio, della quale vedi Matt. e la Storia delle piante. Lat. hypposelinum, apium maius, libysticum. Gr. ἱπποσέλινον.
267) Dizion. 3° Ed. .
EPITIMO
Apri Voce completa

pag.601



1) id: f87aafaad464428bb30d79ac28b4d494)
Definiz: Pianta che nasce sopra 'l timo, ed a quello s'avviticchia. Quella, che Dioscoride disse, fiore del timo. Vedi Matt. che in Lat. lo dice epithimum. Gr. ἐπίθυμον.
268) Dizion. 3° Ed. .
STRIGARE.
Apri Voce completa

pag.1637



1) id: d965e792744c44fc9803807a0389562f)
Esempio: Matt. Vil. 9. 100. Quando per lo passato, ha fatto l'alte, e grandi imprese, per li governatori della Chiesa di Roma, addosso gli son rimase a strigare.
269) Dizion. 3° Ed. .
GRANA
Apri Voce completa

pag.791



1) id: 5b126a5c9ff54a25b34b9ee76bd8c1a3)
Definiz: Sono coccole d'un'albero, simili quasi alle coccole dell'ellera, colle quali si tingono i panni in rosso, e paonazzo, ed è preziosa tinta. Lat. coccum ruben, granum infectorium, granum tinctorium. Gr. κόκκος. Di questa pianta, e sue qualità, vedi Mattiuolo.
270) Dizion. 3° Ed. .
FIORCAPPUCCIO
Apri Voce completa

pag.692



1) id: 9736ae0edf1549cbbef36f529f35d99b)
Definiz: Fior campestre: Il salvatico, che è azzurro, del quale, e degli altri, sorte, e colori vedi Gasparo Bavino sopra 'l Matt. Lat. consolida regia, vel regalis, altri delphinium.
271) Dizion. 3° Ed. .
STRAVEDERE.
Apri Voce completa

pag.1633



1) id: cfcd38d8a66c48ada93ba1dc62468b35)
Esempio: Matt. Franz. Rim. Burl. E se si trova pur qualche autore, Che tien, che l'amor vede, anzi antivede, Questi ancora stravede a tutte l'ore (qui forse Lat. allucinari)
272) Dizion. 3° Ed. .
LINGUA BUONA
Apri Voce completa

pag.961



1) id: 013c3f538db24e29a6a1e10ebadb9727)
Definiz: Nome derivato da Lingua bovis: che è erba, della quale vedi Matt. e altri. Lat. lingua bovis, buglossum, buglossa. Gr. βούγλωσσον, βούγλωσσος, di cui principalmente son buoni i fiori.
273) Dizion. 3° Ed. .
PACE
Apri Voce completa

pag.1139



1) id: e08a85025ab142e580d18f78807113f0)
Esempio: Matt. Villan. 11. 1. La pace, ec. è certo, fermo, e indubitato fondamento, e grado delle mondane ricchezze, e della mondana felicità, ec. madre d'unità, e di cittadinesca concordia.
274) Dizion. 3° Ed. .
FERRO
Apri Voce completa

pag.675



1) id: 3b981cda8fb2435c909cf6cd7f6aa8d5)
Esempio: Matt. Vill. 11. 70. E vero fu; che non sapendo l'aspro cammino gl'Inglesi si mossono, e non giunsono in pian di Ripoli, che a pochi loro cavalli non crocchiassono i ferri.
275) Dizion. 3° Ed. .
CASSIA
Apri Voce completa

pag.298



1) id: a03c2129a46140618b77bdb6302f0493)
Definiz: Frutto d'un'albero, e serve per medicamento solutivo. Vedi Mattiol. L. casia. Gr. κασσία.
276) Dizion. 3° Ed. .
AMMATTAMENTO.
Apri Voce completa

pag.83



1) id: 984587537d6345e2942bf98e2d944021)
Esempio: Matt. Vill. 2. 37. A che spaventáti s'arrestarono, ec. e già per segni, e ammattamenti, che que' della porta facessono, ed eziandío chiamandogli ad alta voce, non s'attentarono di venire più innanzi.
277) Dizion. 3° Ed. .
NASSO
Apri Voce completa

pag.1075



1) id: 6c85e6c1457c4451aa27ec5475ccbfaa)
Definiz: Lo stesso, che Tasso albero, che produce le foglie simili a quelle dell'abéto. Delle sue qualità, vedi Mattiuol. Lat. taxus.
278) Dizion. 3° Ed. .
IN SOMMA
Apri Voce completa

pag.899



1) id: 1aae415cf0524d98aa7a76ce2ac34cfd)
Esempio: Matt. Vill. 5. 73. E all'uscita di Settembre del detto Anno, si cominciarono a fondare le mura, e tutte s'allogarono in somma a buoni maestri (e anche nel medesimo significato, diciamo In cottimo)
279) Dizion. 3° Ed. .
APPELLAGIONE
Apri Voce completa

pag.119



1) id: 0e1d0707bae740bd964258db0c780bc3)
Esempio: Matt. Vill. 9. 98. Il detto Re di Francia, e suo primogenito, non possano, ne debbano in essi usare sovranità, o servigio, ne domandare alcuna suggestione, o querele, ne appellagioni in loro corpi ricevere.