Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 703 msec - Sono state trovate 40000 voci

La ricerca è stata rilevata in 121924 forme, per un totale di 81159 occorrenze

4° Edizione
Diz Giu. totali
120105 1819 121924 forme
80105 1054 81159 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
260) Dizion. 4° Ed. .
FINOCCHINO
Apri Voce completa

pag.467



1) id: 241dfadc99034c2791cea01b68046bb8)
Esempio: Fir. rim. burl. Ma chi è quel finocchin mio, che possa Lodarti daddovero (quì, per ischerzo, dim. di Finocchio)
261) Dizion. 4° Ed. .
GHIRIGORO.
Apri Voce completa

pag.599



1) id: e4bebe2fdfbb47939dac51fe23e138e9)
Esempio: Fir. nov. 4. 226. Un paio di zoccoli a scaccafava colle belle guigge bianche stampate con mille belli ghirigori.
262) Dizion. 4° Ed. .
ATTESA
Apri Voce completa

pag. 318



1) id: 513c59e256bd49a19e3923eef585b324)
Esempio: Rim. ant. P. N. Moroz. da Fir. Di mia vita angosciosa, Ch'ha fatto lunga attesa, Non si truova difesa.
263) Dizion. 4° Ed. .
VISSUTO.
Apri Voce completa

pag.288



1) id: 8ba7a5ddb8ab43c2a87398ff8eeb2c75)
Esempio: Fir. As. 295. Ma il ben vissuto vecchio ec. con ogni instanza s'ingegnava di mostrare la verità della cosa.


2) id: ab1129c999fa4c5499d1d880bf54323f)
Esempio: Salvin. disc. 1. 108. Il suo guerriero marito Odenato sempre vissuto nelle selve, e ne' monti.
264) Dizion. 4° Ed. .
BAIACCIA
Apri Voce completa

pag.369



1) id: 369ab7a951d84f38ac04e0097482b67d)
Esempio: Fir. nov. 8. 304. Acciocchè la burla si spandesse per tutto, e se ne desse loro una gran baiaccia.
265) Dizion. 4° Ed. .
VACCHETTA.
Apri Voce completa

pag.183



1) id: f2ec7d9b5e8847448e837da2df4cb748)
Esempio: Fir. As. 212. Ricercando i mei pastori d'una vacchetta, che egli avevano smarrita, per mia mala sorte ne riscontrarono.
266) Dizion. 4° Ed. .
FIGURACCIA
Apri Voce completa

pag.456



1) id: 24914706865846cc8405ffc41cefd768)
Esempio: Fir. disc. an. 59. Il terzo, che, come s'è detto, era una certa figuraccia da non pensare a nulla, ec. fu preso.
267) Dizion. 4° Ed. .
MINUZZATA
Apri Voce completa

pag.251



1) id: baf13376c1804b0db53b90363a91a2ee)
Esempio: Fir. rim. 48. Ch'io mi rifò talor d'un'insalata, D'un po' di cacio, e d'un mezzo popone, Com'una festa della minuzzata.
268) Dizion. 4° Ed. .
RASOIACCIO.
Apri Voce completa

pag.74



1) id: a15c4f2e6f244036b06336df3ca99be2)
Esempio: Fir. nov. 4. 231. Fattosi dar dal fratello un certo rasoiaccio tutto pieno di tacche ec. lo mise sul cassone.
269) Dizion. 4° Ed. .
STANGATO
Apri Voce completa

pag.707



1) id: f7a04a8043a74846a7c586887a238633)
Esempio: Fir. As. 29. Io mi accostai all'uscio suo, e perciocch'egli era molto bene stangato, io picchiai più volte, e chiamai.
270) Dizion. 4° Ed. .
ACQUACCIA.
Apri Voce completa

pag.47



1) id: 1de6e60a0bf343aa8a589a230a9165c1)
Esempio: Fir. rim. Che più piacer di quell'acquaccia sola Aveva avuto, che s'un botticino Di trebbian gli passasse per la gola.
271) Dizion. 4° Ed. .
A ARMACOLLO.
Apri Voce completa

pag.4



1) id: 552773ac86b246d18a8a15a34e375834)
Esempio: Fir. nov. 6. 251. Perchè levatasi, e messasi una sua vesticciuola ad armacollo, pian piano se n'andò ad una porticella.
272) Dizion. 4° Ed. .
ANDAZZO.
Apri Voce completa

pag.196



1) id: 6c4bdec588cf4b209c7767e391856964)
Esempio: Fir. Luc. 1. 1. E se mai fu andazzo di poeti, e di improvvisanti, n'è stato in questa terra quest'anno.
273) Dizion. 4° Ed. .
AVARETTO
Apri Voce completa

pag.329



1) id: ac92d19759074424b7358695439ac0ee)
Esempio: Fir. nov. 4. 228. La Tonia disposta di contentarlo, ma anzi avaretta, che no, come le donne sono, disse ec.
274) Dizion. 4° Ed. .
SOPRAGGITTO.
Apri Voce completa

pag.597



1) id: 4fb8ecf830124c3e99081a81458ccad2)
Esempio: Fir. nov. 7. 264. E da quinci innanzi io ti voglio dare una camicia bella, e nuova col sopraggitto intorno alle maniche, e col punto a spina in sul collaretto.


2) id: 0bd168e8da9f4cd0b3534fa20d6f36fd)
Esempio: Buon. Tanc. 4. 5. E duo' lenzuol cuciti a sopraggitto.
275) Dizion. 4° Ed. .
GIORNÉA.
Apri Voce completa

pag.610



1) id: bd9c276a0bff448681d1ca65a0fbf3cf)
Esempio: Fir. nov. 4. 225. O che gli paresse esser tanto bello in piazza, e calzar bene una giornéa di panno cilestro.


2) id: 8128c8ca393f42f3a40b13ffd8449e0d)
Esempio: Fir. Trin. 1. 1. Padrone, io mi allacciai la giornéa, e le dissi mille ben di voi.
276) Dizion. 4° Ed. .
MAGGIORELLO
Apri Voce completa

pag.119



1) id: 308950d3894a46ada30d038bd382487b)
Esempio: Fir. nov. 2. 208. Se non ch'io vidi a questi dì un de' vostri nipotini, quel maggiorello, aver questa simil cosa.
277) Dizion. 4° Ed. .
RACCONSIGLIATO.
Apri Voce completa

pag.35



1) id: 1021f3d6061d4a9c95398953754e815a)
Esempio: Fir. nov. 7. 270. Perchè conobbe, che ella aveva trovato quello, che ella si era andata caendo, meglio racconsigliata si stette.
278) Dizion. 4° Ed. .
SCHIFA 'L POCO.
Apri Voce completa

pag.385



1) id: 2d2a07eb5f664ba0934c6e8adce55066)
Esempio: Fir. Luc. 1. 2. Così si vuol fare a queste schifa 'l poco, non ne lasciar lor vincere una per nulla.


2) id: f3136ada67d84af2a106594d7dad69dc)
Esempio: Lasc. Spir. 2. 5. Se io fussi so ben io chi, tu non faresti così, monna schifa 'l poco.
279) Dizion. 4° Ed. .
PALUDACCIO.
Apri Voce completa

pag.471



1) id: 63f69332837249c09955ee68ac40912c)
Esempio: Fir. As. 254. Quando tu ti credevi essere uscito dall'acqua, e tu trovavi certi paludacci, che vi s'andava fino alle cigne.