Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 621 msec - Sono state trovate 30384 voci

La ricerca è stata rilevata in 145427 forme, per un totale di 113410 occorrenze

4° Edizione
Diz Giu. totali
141214 4213 145427 forme
110830 2580 113410 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
280) Dizion. 4° Ed. .
POSTERI
Apri Voce completa

pag.679



1) id: ddc291e6ae05443990e6901348d9f16a)
Esempio: Tac. Dav. ann.4. 92. Regnante Tiberio, furon puniti, o svergognati molti, li cui posteri vivono.


2) id: 8e343f24887a4675bd61783df7145b25)
Esempio: Serd. stor. 8. 317. Scongiurava i posteri, che non volessero diminuire in parte alcuna quella entrata.
281) Dizion. 4° Ed. .
CONFERMA
Apri Voce completa

pag.754



1) id: 78fb2f634688490597bdd98c7a593a65)
Esempio: Tac. Dav. ann. 4. 85. Vennero di Grecia ambasciadori per la conferma dell'antiche franchigie de' tempj.


2) id: 3323eb48a1064db19281dc333c5cfc09)
Esempio: Red. lett. 2. 135. Non mancherò di parlare delle sue suppliche per la conferma in cotesto governo.
282) Dizion. 4° Ed. .
TOGA.
Apri Voce completa

pag.90



1) id: 0c099f8f2197411dba4e94f7337490d5)
Esempio: Tac. Dav. ann. 4. 82. Nel principio di quest'anno Druso di Germanico prese la toga virile.


2) id: 4095fa39a3cb4d2bb00638cb7792196b)
Esempio: E Tac. Dav. stor. 3. 322. Essere stato sempre in toga, e un senatore, come gli altri.


3) id: 96d4eeae03ec41f39040c5056aad7742)
Esempio: E Tac. Dav. stor.1. 250. E quella sola guardia di Palagio, che è in toga, non difende mica Galba, ma lo ci serba.


4) id: b19b8abcf6564f9a944a7e41e3b58395)
Esempio: Malm. 1. 52. Posò la spada, e ripigliò la toga.


5) id: 1782422004564b578682523ffab63234)
Esempio: Dittam. 1. 29. Vero è, che appresso pensando, com'io Mi rimisi la toga, mi conforto.


6) id: b323b62f207548faaee4cbf9eddec01d)
Esempio: Menz. sat. 1. E perchè a me non domandar piuttosto, Se ho converso la toga in santambarco?
283) Dizion. 4° Ed. .
SCALATORE
Apri Voce completa

pag.351



1) id: 46ede6b58291421590616aaf8de8107d)
Esempio: Tac. Dav. ann. 2. 35. Gli scalatori dell'argine, come sotto muraglia, erano di sopra percussati duramente.


2) id: c710b27bc6f44be1b91c25aa2de1a42d)
Esempio: Buon. Fier. 4. 2. 7. Mi sembraro scalatori Già dover entrar per le finestre.
284) Dizion. 4° Ed. .
SPARLATO
Apri Voce completa

pag.637



1) id: c20bdd16636c48839f10893dfffdd8f5)
Esempio: Tac. Dav. ann. 2. 45. Dello sparlato d'Augusto volle si condannasse (cioè: di ciò, ch'avea sparlato)
285) Dizion. 4° Ed. .
FRANARE
Apri Voce completa

pag.515



1) id: 8a5c749af6804ce7bd5cfeb2e4067f32)
Esempio: Tac. Dav. ann. 2. 35. Rimasero passando il fiume annegati ec. nel franar delle ripe affogati.


2) id: 49c16cde19be4ec6a3b51cba5af1afbe)
Esempio: E Tac. Dav. ann. 4. 100. La sua bocca franò con molti sassi addosso a certi serventi.
286) Dizion. 4° Ed. .
MISCONTENTO
Apri Voce completa

pag.255



1) id: 91cd5a6a3a4942ea9b4a29681d7efa7f)
Esempio: Tac. Dav. ann. 2. 31. Miscontenti de' suoi figliuoli assaggiarono la signoría d'una donna detta Erato.
287) Dizion. 4° Ed. .
RINGRANDIRE.
Apri Voce completa

pag.196



1) id: 7eeb18e12ae84b939e040330b95815c2)
Esempio: Tac. Dav. ann. 2. 43. La nobiltà, e le ricchezze di Plancina sua moglie lo ringrandivano.


2) id: 875a2fd3b5504a7ebb095e973d5b3f97)
Esempio: Varch. stor. 11. 365. E che egli era sempre ringrandito, sempre più duro dimostratosi, e più superbo.
288) Dizion. 4° Ed. .
RICOSTEGGIARE
Apri Voce completa

pag.147



1) id: d86b66a3a92246dd8e42835f85e001e2)
Esempio: Tac. Dav. ann. 2. 46. Ripinto da' tramontani, ricosteggiò l'Asia (Il T. Lat. ha relegit Asiam)
289) Dizion. 4° Ed. .
INTIMARE
Apri Voce completa

pag.886



1) id: 966c48f78b78427aa1ae3dc0eb2031cd)
Esempio: Tac. Dav. ann. 2. 54. Marso Vibio intimò a Pisone, che venisse a Roma a difendersi.
290) Dizion. 4° Ed. .
ORINCI
Apri Voce completa

pag.429



1) id: 895accad3bff4f5baff687b5b02ccc5f)
Esempio: Tac. Dav. ann. 2. 54. Ecco perchè lo strabalzaro in orinci; perciò ebbe Pisone la provincia.


2) id: b06744b2efa5447aa000f3d79041c8c6)
Esempio: Cecch. Esalt. cr. 3. 4. Egli è quasi più là, ch'ire in orinci.


3) id: 084906895204424a94211cf16aa598b8)
Esempio: Fir. nov. 7. 264. Io la diedi al Giannella del Mangano, il quale se n'andò poi in orinci.
291) Dizion. 4° Ed. .
MENOMATO
Apri Voce completa

pag.208



1) id: b99e091ba6794cb097dee904446a8dc6)
Esempio: Tac. Dav. ann. 2. 40. Nè Pisone ristette, benchè Agusta offesa se ne tenesse, e menomata.
292) Dizion. 4° Ed. .
NIQUITOSISSIMO.
Apri Voce completa

pag.346



1) id: 3d01bfc351c5479d803641c145461dd9)
Esempio: Tac. Dav. ann. 1. 11. Vanno colle pugna in sul viso, ec. niquitosissimi contra Gneo Lentulo.
293) Dizion. 4° Ed. .
APPROVAZIONE
Apri Voce completa

pag.240



1) id: e25c64b0374848bba5e0a3323aacd7be)
Esempio: Tac. Dav. ann. 1. 26. Nè si lasciò, come 'l Senato volea, giurare l'approvazione de' fatti.
294) Dizion. 4° Ed. .
BOSCATO
Apri Voce completa

pag.454



1) id: a2059597133048c9adf374699bd015e9)
Esempio: Tac. Dav. ann. 1. 23. Con dolci colline boscate intorno, le quali Arminio empiè di gente.


2) id: 538cfb972df842bca9bd58bc9a203e40)
Esempio: Buon. Fier. 3. 2. 5. Tempo v'avanzerà, se arditamente Frastaglierete, e staglierete, e 'n fretta Tirerete a traverso, E vignate, e boscate.
295) Dizion. 4° Ed. .
SCAMERARE
Apri Voce completa

pag.356



1) id: 140833007def4738ab9f29cb2931c6b1)
Esempio: Tac. Dav. ann. 6. 111. Che i beni di Seiano si scamerassero, e mettessero nel fisco.
296) Dizion. 4° Ed. .
IRRITARE, e INRITARE
Apri Voce completa

pag.920



1) id: dca71cf351f545dfa171805afbdb3bec)
Esempio: Tac. Dav. ann. 14. 200. Verso i quali (figliuoli) sperava il Principe più dolce, niente irritandolo.


2) id: f00050529c59445381b8efcc8935adf7)
Esempio: E Tac. Dav. stor. 4. 331. Guardassesi piuttosto, che l'ostinazione d'alcuno non irritasse il Principe nuovo.


3) id: f0c9fd36d4ca40ddb2222cc01b73b2da)
Esempio: Serd. stor. 3. 130. Con quel fatto si veniva a irritare le nazioni vicine.


4) id: 0057b3d5cce549a696ef727b4c70c79b)
Esempio: E Serd. stor. 4. 151. Gli altri non si sgomentarono, come suole avvenire, per la sciagura del capitano, anzi piuttosto s'irritarono maggiormente.
297) Dizion. 4° Ed. .
PILO.
Apri Voce completa

pag.626



1) id: 17b2ea44619e4ee2a44356cf4afef16a)
Esempio: Tac. Dav. ann. 12. 151. I Romani colle daghe, e pili ec. li ponevano in terra.


2) id: 55c8cce33c8e45e7b900e0f7452c1578)
Esempio: Car. lett. 1. 32. Quando il pelaghetto è pieno, cade per mille parti nel pilo, e dal pilo per mille altre parti nell'ultimo ridotto.
298) Dizion. 4° Ed. .
AGUZZATO.
Apri Voce completa

pag.103



1) id: e2cf48d5c0684ed7bd75329c17851b6d)
Esempio: Tac. Dav. Germ. 385. Le frecce d'ossa aguzzate, perchè non hanno ferro, sono la loro speranza.
299) Dizion. 4° Ed. .
ADDOBBAMENTO.
Apri Voce completa

pag.57



1) id: bea0a2b05a5d4df08d730043a12a2eee)
Esempio: Tac. Dav. stor. 4. 339. E scoprendosi alcuno apparente per addobbamento, o per ardire, te l'imberciavano.