Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 792 msec - Sono state trovate 29478 voci

La ricerca è stata rilevata in 136578 forme, per un totale di 105681 occorrenze

4° Edizione
Diz Giu. totali
132762 3816 136578 forme
103284 2397 105681 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
480) Dizion. 4° Ed. .
LACERATO
Apri Voce completa

pag.5



1) id: b157331d49034564b342abdf6643e6d7)
Esempio: Fir. Luc. 1. 2. Io ne son venuta in carcere stiava, e di continuo lacerata, e maltrattata.


2) id: d032768fa87e459e9fe7110456425a61)
Esempio: Ciriff. Calv. 1. 19. Avea, come Atteon, già tutto il dorso Pelato, infranto, lacerato, e morso.
481) Dizion. 4° Ed. .
CORNIOLA
Apri Voce completa

pag.820



1) id: 23c5de9fabe1432085e11b73517d3561)
Esempio: Fir. nov. 8. 300. Egli è un bel rubino! che dich'io, ella è una cornióla.


2) id: 639c09b6898343fdab7c2b83ea9c4669)
Esempio: Buon. Fier. 2. 2. 10. E cornióle in sigilli sì acuta-Mente intagliati, che la loro stampa Non si cancella mai.
482) Dizion. 4° Ed. .
EVANGELISTA.
Apri Voce completa

pag.324



1) id: 6d1315bd2077422c801343edd2df9f75)
Esempio: Fir. Trin. 1. 2. Perchè volete voi così, ch'i' vi creda? siete voi il quinto evangelista?
483) Dizion. 4° Ed. .
RINGIRARE
Apri Voce completa

pag.196



1) id: bc66c793bb3841319a1d0211ff663434)
Esempio: Fir. Trin. 2. 1. Io non so dove i' m'abbia il capo, nè dove mi ringirare.


2) id: 65e5f3ffcae44f6497dca7df05ccf766)
Esempio: Tac. Dav. ann. 12. 158. Fecevi di travate un cerchio, acciò non potessero fuggire, agiato da potervisi ringirare, maneggiare, vogare, e combattere.
484) Dizion. 4° Ed. .
ESORBITANTE.
Apri Voce completa

pag.310



1) id: 8317b0c6d1804a81bf2615db7c3c9799)
Esempio: Fir. disc. an. 20. Il Carpigna, che aveva già depravato l'intelletto della esorbitante ambizione ec. si partì a rotta.


2) id: 7e41dbe4871345e1a21174ac9474c215)
Esempio: E Fir. disc. an. 106. Udendo il povero padre così esorbitante cosa, cominciò a gridare come un pazzo.
485) Dizion. 4° Ed. .
VICERÈ.
Apri Voce completa

pag.267



1) id: 56d2f4993f95436c89c6f3e8bcb22d2b)
Esempio: Fir. nov. 6. 257. Si trovava per alcune faccende d'importanza innanzi al vicerè di Napoli.


2) id: e2a8611240d84a11862f7d5396895716)
Esempio: Fir. disc. an. 32. Il signore gli diede carico di vicerè, e fecelo il primo barone della sua corte.


3) id: aef5175afcef4ad2b905ce7801512952)
Esempio: Serd. stor. 4. 148. Fu ascoltato il vicerè con gran silenzio.
486) Dizion. 4° Ed. .
SCIOCCHERELLO.
Apri Voce completa

pag.396



1) id: 2a55243047074d59983f86de91667b85)
Esempio: Fir. Luc. 2. 4. Io mi sono bene avvisto, che costei è una scioccherella, e si presume savia.


2) id: 10df45533b2a4362a706b237999da79f)
Esempio: E Fir. Luc. 2. 5. E' dice, che ell'è una scioccherella, ma Iddio 'l voglia, ch'e' non la insali alle sue spese.


3) id: c59e81a641ca4d65b7cdd6616fa34db0)
Esempio: Buon. Fier. 4. 2. 1. Se sempre ride, e non si vede a che Proposito ella fa, fra se favella, Ch'ell'è una scioccherella.
487) Dizion. 4° Ed. .
CHIAVERINA.
Apri Voce completa

pag.646



1) id: 8e3a17f4e2c74a39bbf6156d8edad414)
Esempio: Fir. Luc. 5. 5. E' non debbon però esser birri, ch'e' non hanno le chiaverine.


2) id: 5376f8228298420e8e805b0c184b7756)
Esempio: E As. 242. Il marito non aspettò più altro, ma presa una chiaverina in mano, si diede a correre quanto più poteva verso dove erano andati.
488) Dizion. 4° Ed. .
ORNO.
Apri Voce completa

pag.431



1) id: b10dc3d2d70b44cfb40e052ca19e57fa)
Esempio: Fir. Rag. 168. E 'n questo calle vidi farle ombra i rami di quell'orno.


2) id: ebe3526e5ebc49b6909843c238e76163)
Esempio: Tass. Amint. 1. 1. L'orno per l'orno, e per lo salce il salce, E l'un per l'altro faggio arde, e sospira.
489) Dizion. 4° Ed. .
DI COMPAGNÍA
Apri Voce completa

pag.99



1) id: f0d01fb2695d40fe97107350b6f8784a)
Esempio: Fir. Rag. 135. Tutti di compagnía si mossero per andare a vedere un vivaio.
490) Dizion. 4° Ed. .
CUBO
Apri Voce completa

pag.875



1) id: b598eb08b0c1412891b521429f07a4ea)
Esempio: Fir. Rag. 141. Pigliate due di que' numeri, che i medesimi matematici chiamano cubi.
491) Dizion. 4° Ed. .
ROZZA.
Apri Voce completa

pag.276



1) id: 1a9b81acc576438b99f44fef03ffa0c2)
Esempio: Fir. Trin. prol. Come l'uomo cavalca queste rozze, e' bisogna andare a lor modo.


2) id: b859c61705454c4db08fbed02642aa6a)
Esempio: E Fir. Trin. appresso: Lo stancarmisi di quella rozza sotto è stato cagione d'ogni male.
492) Dizion. 4° Ed. .
GABBIONE.
Apri Voce completa

pag.559



1) id: 5240c098493a4610841845f4035c4f2e)
Esempio: Fir. Trin. prol. Oh che bel passerotto! ecci chi abbia il gabbione per mettervelo?


2) id: dba67c4356394f42ab1b03213b8fa554)
Esempio: Viv. disc. Arn. 39. Coll'usare ne' gran fondi ec. alcune volte gabbioni ripieni di sasso.


3) id: 495c9ff2c8534176ad400ab3a4e0cfe6)
Esempio: Pecor. 2. 2. Ma pure si diceva, come una donna aveva giunto un suo amante al gabbione.


4) id: ac3856652b454e06955573e8c0fddceb)
Esempio: Buon. Fier. 3. 1. 7. Che lanternoni, e che gabbion son questi, Di che voi vi siete ora scaricati?
493) Dizion. 4° Ed. .
RACCUSARE.
Apri Voce completa

pag.37



1) id: ae8c4496fbe04feba65be57cdbce083b)
Esempio: Fir. disc. an. 91. Meglio sarà trovar modo, che un'altra volta la trista non mi possa più raccusare.
494) Dizion. 4° Ed. .
FROGE
Apri Voce completa

pag.533



1) id: 5c86d07792db40858351e9871262ddc9)
Esempio: Fir. disc. an. 39. Con un coltello, che gli venne alle mani, le mozzè le froge del naso.


2) id: 84752fab2d874bba87126f5e6bce6ad1)
Esempio: E As. 258. E come pendevan quelle froge del naso.
495) Dizion. 4° Ed. .
INDISPOSIZIONE
Apri Voce completa

pag.798



1) id: e67abb42e4444bb69b39ab12bff3aa47)
Esempio: Fir. disc. an. 27. Mostrando, come sempre fatto aveva, che del tutto fusse cagione una sua nuova indisposizione.


2) id: 25f2538142104e32be3b37698ee7a643)
Esempio: Red. cons. 1. 21. L'acque di fontana viva per loro naturalezza son sane, nulladimeno se sieno bevute strabocchevolmente, vagliono anch'esse a cagionare molte pericolose indisposizioni, e forse anche la morte, in quella guisa appunto, che indisposizioni, e morte sogliono guadagnarsi coloro ec.
496) Dizion. 4° Ed. .
MALIZIETTA
Apri Voce completa

pag.133



1) id: db565e452bfd46c599e1e10e8ec3b872)
Esempio: Fir. disc. an. 41. Perch'ella pensando sopra ciò una certa sua malizietta, trovò la tasca subito, e diedegliela.


2) id: cdb9d321e66e49d58e39ffb6107c219c)
Esempio: E Fir. nov. 3. 216. Perchè egli pensò subito ad una sua malizietta.


3) id: 14b086b4fa2849f386f4470988cb0983)
Esempio: Ciriff. Calv. 1. 12. Ed avea qualche malizietta, o scusa.
497) Dizion. 4° Ed. .
FASTIGIO
Apri Voce completa

pag.409



1) id: a9372d0b751943eeb5d461f8dc0c35b2)
Esempio: Fir. disc. an. 17. Quanto sia pericoloso il poggiare per le cime degli alti gradi de' fastigj reali.
498) Dizion. 4° Ed. .
DISAIUTARE
Apri Voce completa

pag.153



1) id: e568f2442cd34456a7b983a2f228daf0)
Esempio: Fir. disc. an. 16. Sempre avemo udito dire, che la fortuna aiuta gli audaci, e disaiuta i paurosi.
499) Dizion. 4° Ed. .
BRAVURA
Apri Voce completa

pag.465



1) id: ff59b0096a1e4d8184ea6db492fa8204)
Esempio: Fir. disc. an. 13. Non ardiva uscir più alla campagna, nè mostrare quella bravura, che egli era usato.


2) id: 0c5939e8624d44519f92f8439fd99b22)
Esempio: E Fir. disc. an. 20. Di sorte che egli si possa difendere gagliardamente dalla bravura di quelle fiere.


3) id: dfd5ebc0a17f4ac8b16949335da8a6d7)
Esempio: Bern. Orl. 2. 1. 63. Or guarda intorno con una bravura, Che ciascun tace, ed ha di lui paura.