Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 413 msec - Sono state trovate 814 voci

La ricerca è stata rilevata in 1706 forme, per un totale di 887 occorrenze

4° Edizione
Diz Giu. totali
1697 9 1706 forme
882 5 887 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
240) Dizion. 4° Ed. .
USURPATORE
Apri Voce completa

pag.345



1) id: 615625da9cbc4b3dbb5c75d7bd5bae2c)
Esempio: Cavalc. Frutt. ling. Molti sono usurpatori degli onori divini.
241) Dizion. 4° Ed. .
VERGA
Apri Voce completa

pag.240



1) id: 04752e0174d54ddb8cf723ab91c974ef)
Esempio: Cavalc. Frutt. ling. La verga della correzione dona sapienza.
242) Dizion. 4° Ed. .
TEMPERATAMENTE.
Apri Voce completa

pag.32



1) id: 61d2bf9967664ba2b74ece6caae54ae3)
Esempio: Cavalc. Frutt. ling. Usano li beni del mondo temperatamente.
243) Dizion. 4° Ed. .
FORTUNA
Apri Voce completa

pag.507



1) id: 2d2a237e3a5f44818eaca2e9e0c530f0)
Definiz: §. VIII. Diciamo in proverb. Val più un'oncia di fortuna, che una libbra di sapere, o È meglio un'oncia di fortuna, che una libbra di sapere, o simili; ed esprime, che La fortuna talora giova più, che 'l senno. Lat. gutta fortunae prae dolio sapientiae. v. Flos 109.
244) Dizion. 4° Ed. .
ONCIA
Apri Voce completa

pag.403



1) id: f4d38a3add3c4c419642390a48144a8b)
Definiz: §. III. Diciamo in proverb. E' val più un'oncia di fortuna, che una libbra di sapere, o È meglio un'oncia di fortuna, che una libbra di sapere; e vale, che La fortuna talora giova più, che 'l senno. Lat. gutta fortunae prae dolio sapientiae. v. Flos 109.
245) Dizion. 4° Ed. .
FAVOLEGGEVOLMENTE
Apri Voce completa

pag.418



1) id: 9b379fded6e841a1b2e488e193928976)
Esempio: Fior. Ital. La qual favoleggevolmente si dice, che era d'oro.
246) Dizion. 4° Ed. .
FINITA
Apri Voce completa

pag.466



1) id: f21a4b5792064528877fea2b6177d4f8)
Esempio: Fior. Ital. D. E in questo sulla finita di Turno.
247) Dizion. 4° Ed. .
DELUBRO
Apri Voce completa

pag.69



1) id: 1e8b05250c0e4d5e80a49c893043e084)
Esempio: Fior. Ital. D. Delubro tanto viene a dire, quanto tempio.
248) Dizion. 4° Ed. .
INGAVINARE
Apri Voce completa

pag.830



1) id: 0c2dac13067949d4a1bf5a4a0e9c966c)
Esempio: Fior. Ital. D. Qual cagione lo tuo volto hae ingavinato?
249) Dizion. 4° Ed. .
RESPIRAZIONE.
Apri Voce completa

pag.112



1) id: b5aa29c353694b529e1db5c36153b11d)
Esempio: Fior. Ital. D. La quale morendo prese respirazione, e riposo.
250) Dizion. 4° Ed. .
SUPERBIOSAMENTE.
Apri Voce completa

pag.816



1) id: f17dbd3c49cc4e4495bdfdaffb05734c)
Esempio: Fior. Ital. P. N. E con lui superbiosamente disputato ec.
251) Dizion. 4° Ed. .
MESCITORE
Apri Voce completa

pag.220



1) id: 0f33f9489d6842259ee06690fbbe0ea8)
Esempio: Fior. Ital. Lo fece suo pincerna, cioè mescitor di coppa.
252) Dizion. 4° Ed. .
ARRISSARE
Apri Voce completa

pag.272



1) id: 4a4bdfb2a1f54a41ab3f79931924ad37)
Esempio: Fior. Ital. E l'altro giorno trovò due Ebrei, che s'arrissavano.
253) Dizion. 4° Ed. .
PELO
Apri Voce completa

pag.539



1) id: 5cca9150c3aa4d9a843446f340669d0b)
Definiz: §. VII.Il lupo cangia il pelo, ma non il vizio, proverb. che significa, che Chi è malvagio per natura, mai non si rimane di malvagiamente operare. Lat. lupus pilum mutat, non mentem. Gr. ὁ λύκος τὴν τρίχα, οὐ τὴν γνώμην ἀλλάττει. v. Flos 100. al qual proverb. alluse il


2) id: 285ecc62065f44bca67a48985174d61f)
Definiz: §. XIX. Vedere il pel nell'uovo, o Conoscere il pel nell'uovo, vale Scorgere ogni minuzia, e quasi veder lo 'nvisibile, e si dice di Chi è di acutissimo ingegno. Lat. ventura per dioptram prospicere. v. Flos 280.
254) Dizion. 4° Ed. .
APPIGIONARE
Apri Voce completa

pag.232



1) id: c52f44e87bcc46e29c903c6fe6d63379)
Definiz: §. In proverbio: Chi imbianca la casa, la vuole appigionare; e si dice delle femmine, che oltre al convenevole, si raffazzonano; e prendesi in mala parte, come quel detto d'Aristippo: Lat. mulier faciem exornans, animi deformitatem indicat . Gr.γυνὴ τῷ προσώπῳ κοσμουμένη τὴν τῆς ψυχῆς ἀμορφίαν ἐμφαίνει. Flos 371.
255) Dizion. 4° Ed. .
INTENTAMENTE
Apri Voce completa

pag.878



1) id: 26199059a576422f8c0ee6943c0fb6c7)
Esempio: Cavalc. Frutt. ling. Nella tribulazione, e tentazione dobbiamo intentamente orare.
256) Dizion. 4° Ed. .
DISCRETAMENTE
Apri Voce completa

pag.168



1) id: 39d7d335bcb54ad3a0c9e6d75911b8ec)
Esempio: Cavalc. Frutt. ling. Vogliamo pregare, e ordinare le petizioni discretamente.
257) Dizion. 4° Ed. .
RIMPROVERARE
Apri Voce completa

pag.185



1) id: 11918249d9a74ddb88caa308e035a433)
Esempio: Cavalc. Frutt. ling. Il quale concede volentieri, e non rimprovera.
258) Dizion. 4° Ed. .
ELEMOSINA.
Apri Voce completa

pag.275



1) id: 2cbfe623b64c41b2ab314611793b020f)
Esempio: Cavalc. Frutt. ling. Buona è l'orazione col digiuno, e coll'elemosina.
259) Dizion. 4° Ed. .
PIISSIMO
Apri Voce completa

pag.625



1) id: ff4ae8ebb72645d0b687480996cbe255)
Esempio: Cavalc. Frutt. ling. Pensando, che abbiamo offeso il piissimo Redentore.