Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 564 msec - Sono state trovate 28343 voci

La ricerca è stata rilevata in 124228 forme, per un totale di 94562 occorrenze

4° Edizione
Diz Giu. totali
120857 3371 124228 forme
92514 2048 94562 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
180) Dizion. 4° Ed. .
ABBENDARE.
Apri Voce completa

pag.9



1) id: ba9007bd62c6440eb1877305d0e44f52)
Esempio: Liv. M. Ed era uscito della pressa, per abbendar la ferita.
181) Dizion. 4° Ed. .
CEPPO.
Apri Voce completa

pag.619



1) id: 002a2342479d4961a8881086456d1c91)
Esempio: Liv. M. Gli alberi, che l'uomo taglia, e diramora dal ceppo.


2) id: d50896dc173b4b4e9a5ffc775317cbe0)
Esempio: Fir. Luc. 1. 1. Pongono loro le manette, e i piedi ne' ceppi, acciocchè e' non si fuggano.


3) id: 8ce58d772bcc42b5972146bbee9821f1)
Esempio: Ambr. Furt. 4. 1. Gli veddi per insino per Pasqua di ceppo, quando cantò la messa.


4) id: ba7ca1c614f2423e99a4dc5577b468ff)
Esempio: M. V. 9. 97. Mettendogli i piedi la notte ne' ceppi.


5) id: 2541d00ac5f34380b80c292138215aa7)
Esempio: Maestruzz. 1. 75. Che è la consanguinitade? È un legame di persone, che sono d'un medesimo ceppo, contratto per carnale generazione. Chiamo ceppo quella persona, per la quale alquanti trassono il nascimento.


6) id: 965b0548fdf54b68abc066486aba2f58)
Esempio: Alleg. 198. Per trattenerli la sera, che s'arde il ceppo a' nipotini.


7) id: cd078ffb1d874853919818dcfa8a62b2)
Esempio: Tac. Dav. ann. 15. 215. Le case di Roma, che la sua non occupò, furon rifatte ec. strade larghe, traverse a misura, maggiori piazze, e dinanzi a ogni ceppo isolato difese dalla sua loggia in fronte.


8) id: 950c2e009f3f405f94507c76ec68228c)
Definiz: §. III. Ceppo è anche uno Istrumento, nel quale si serrano i piedi a' prigioni. Lat. compedes, cippus. Gr. πέδαι.


9) id: 5298ff125ce34e01a18a6b455604d4a8)
Esempio: Franc. Sacch. nov. 134. Mettea li danari in uno ceppo, che era ivi presso collegato nel legno a piè d'un Crocifisso.


10) id: d34daa99df3447c1a0c671e632338945)
Esempio: Segn. Pred. 5. Che piuttosto di soggiacere a tal onta, si avrebbono quivi eletto su un duro ceppo fatale lasciare il capo.


11) id: 17b268c7ab294cbb85dfd0845d21784e)
Definiz: §. IX. Ceppo, è una Mancia, o Donativo, che si dà per lo più a' fanciulli nella solennità del Natale di Nostro Signore. Lat. strenae natalitiae. Gr. ξένια γεθλιακά.
182) Dizion. 4° Ed. .
COLPABILE
Apri Voce completa

pag.705



1) id: 34e0b51678d14348b8fdf0c014622df2)
Esempio: Liv. M. Diceva egli, s'io gli provo, ch'egli è colpabile ec.


2) id: 46641a885b9c478fb935e9e232bbdf7f)
Esempio: Mor. S. Greg. Si reca a memoria il modo colpabile, con che salì a prelazione.
183) Dizion. 4° Ed. .
ALTETTO.
Apri Voce completa

pag.136



1) id: f421a2f1f6254730b6ac9c5948ddcc94)
Esempio: Liv. M. Egli si puose in un luogo un poco altetto.


2) id: 651508fbb2c4458ebf8e1211afebf2da)
Esempio: Fir. As. 28. Vedi tu, rispose ella, quelle ultime finestre là fuori ec. e quelle porte un poco altette, che sono a dirimpetto di quel portico?
184) Dizion. 4° Ed. .
BUCCINARE
Apri Voce completa

pag.476



1) id: 2581fa281f4340f48cb481b3724a1b10)
Esempio: Liv. M. E tutta notte gli fece trombare, cornare, e buccinare.


2) id: 1088116c0fce48b5b4447ef6e00d70c6)
Esempio: Varch. Ercol. 58. Si dee scrivere con un c solo, e non con due, perchè allora sarebbe il verbo latino buccinare, che significa tutto il contrario, cioè trombettare, e dirlo su pe' canti ancora a chi ascoltarlo non vuole.
185) Dizion. 4° Ed. .
ROCCIA
Apri Voce completa

pag.258



1) id: 8e2729e9382f428396c76a15c59367d3)
Esempio: Liv. M. Poi cominciarono a montare per la roccia, appoggiandosi l'uno all'altro.


2) id: d057a236f6674965a10e6a601fd49bd2)
Esempio: But. Inf. 32. 1. Roccia si può intendere bruttura, come quando la feccia secca intorno alcuno sasso.


3) id: d7f2ad09bdbe479eab7f9bdbfdabe789)
Esempio: G. V. 6. 47. 4. Fe ivi presso a due miglia in sulla roccia, ed in luogo d'aver buono porto, una terra.
186) Dizion. 4° Ed. .
COMANDATORE
Apri Voce completa

pag.707



1) id: 949ecce4c01e4c2b8016eafd28b85a94)
Esempio: Liv. M. Unque mai comandatore non fue sì famigliare a sua gente.


2) id: b94f813c2ad24a8b86db8b5941216be8)
Esempio: Tes. Br. 1. 8. Egli è comandatore, ed ella ubbidisce.


3) id: ae157716ccc246c89191b92f803528c3)
Esempio: M. Aldobr. Contra li detti vizj resisto, e combatto, ed afforzomi, ordinando ciascun dì l'anima mia, comandatore, e correttore contro di loro.


4) id: 008c9de891214bbfbedf53c19afb0c6d)
Esempio: Franc. Sacch. nov. 80. Maravigliandosi gli uditori, e spezialmente li signori Priori, che erano di rincontro a lui, mandarono un loro comandatore a Boninsegna a dirgli, che seguitasse il suo dire.
187) Dizion. 4° Ed. .
TRACCIAMENTO
Apri Voce completa

pag.116



1) id: 0316c2bb86e5452398ef6d3e687e752b)
Esempio: Liv. dec. 3. Diss'egli: distruggerete voi la repubblica per lo tracciamento, e per la guida di Pubblio?
188) Dizion. 4° Ed. .
CARENA.
Apri Voce completa

pag.566



1) id: 054af08a96f14eaaac64e944fbcfa4a0)
Esempio: Liv. dec. 3. E tutte le navi, le quali ec. non avevano le carene fitte ne' guadi.


2) id: e9a42bb7170b410b89b4cc0b0a67509c)
Esempio: Bern. Orl. 1. 5. 50. Ed ei per poppa salta alla carena.
189) Dizion. 4° Ed. .
R
Apri Voce completa

pag.27



2) id: 6cef528cdba148a881ea8582c3312e26)
Definiz: Lettera di suono aspro, e nelle voci, dove è raddoppiata, e frequentata, accresce maggiore asprezza. Consente dopo di se tutte le consonanti nel mezzo della parola in diversa sillaba, come GARBO, BARCA, PERDONO, FORFORA, ORGANO, ORLO, ARME, ORNARE, SERPE, SERQUA, VERSO, CORTE, NERVO, SFERZA; e in tutti questi luoghi ritiene il suo intero suono. Ammette avanti di se nel principio, e nel mezzo della parola, e nella sillaba le consonanti B, C, D, F, G, P, T, V, e fa perder loro alquanto di suono, come BRACCIO, AMBRA, CRUSCA, INCRESPATO, DRAGO, ANDRONE, FRAGOLA, REFRIGERIO, GRATO, AGRO, PRATO, RAPPRESAGLIA, TRAVE, INTRECCIATO, CAVRETTO, SOVRANO; ma l'V è quasi sempre in mezzo della parola. Nel principio della parola riceve ancora la S, come SRADICARE, e allora la S si pronunzia nel suono più rimesso, quale nella voce ACCUSA, di che alla lettera S. Raddoppiasi nel mezzo della parola frequentemente, come CARRO, MARRA, ec.
190) Dizion. 4° Ed. .
DISCONFIGGERE
Apri Voce completa

pag.162



1) id: 89674c70e7fb4fe7a47718f0aa394a80)
Esempio: Liv. M. E così furono i nemici intrapresi, e disconfitti, e morti.
191) Dizion. 4° Ed. .
DISCORDEVOLE
Apri Voce completa

pag.165



1) id: c29d93f882834be295b86803f9a7fd58)
Esempio: Liv. M. Eleggeranno i più riottosi, e i più discordevoli di tutti.
192) Dizion. 4° Ed. .
ELLI.
Apri Voce completa

pag.277



1) id: bb4749d0e66747b3a87ddfd6bc06c427)
Esempio: Liv. M. Appio, diss'elli, per forza d'arme mi convien quinci esser cacciato.


2) id: 94f607163b4342f9b85cb553b4f3032e)
Esempio: E Liv. M. appresso: Elli rispuosono con grandi grida, ch'elli facesse trombare ec.


3) id: f590066707564f7b9ea038ca7d5ff09d)
Esempio: E Dan. Purg. 3. Addossandosi a lei, s'ella s'arresta.


4) id: 18d9db0ae962478ead7a0ffb63d2c33d)
Esempio: Petr. son. 110. E veggio ben quant'elli a schivo m'hanno.


5) id: 8834fe98ccfc454ba8aa7d1954f109fc)
Esempio: Bocc. nov. 2. 9. Le divine cose chenti ch'elle si fossero ec. a denari e vendevano, e comperavano.


6) id: c3a6c1891f4041d9a80ac260e1f8b7db)
Esempio: Red. rim. Vide, che l'uomo assuefatto a quelle Bellezze mai più non volgeva in elle Stupido il guardo.
193) Dizion. 4° Ed. .
SFORZATAMENTE
Apri Voce completa

pag.509



1) id: f87c6c46b439406786bb62ebda768c1f)
Esempio: Liv. M. Assalirono i nemici sì sforzatamente, che non gli poterono sostenere.


2) id: 241b07ec660a4ad28675cae9c4d6b3ea)
Esempio: E Maestruz. 2. 30. 1. Ma se egli è più che ladro, cioè quando coll'arme, e sanza arme sforzatamente assalisce in casa, o in cammino, o in mare, allora si procede più aspramente contra loro.


3) id: 0b9f4ecc1d304b8d82b7928709618a5c)
Esempio: Vit. SS. Pad. S'apparecchiavano sforzatamente di venire addosso a quella cotale terra, dov'ella stava.
194) Dizion. 4° Ed. .
INCRESCEVOLE
Apri Voce completa

pag.790



1) id: 7704e2fe08644cb59c69ffb979dc3c6e)
Esempio: Liv. M. Fu grave, ed increscevol di pistolenza, e sollecitoso di prodigj.
195) Dizion. 4° Ed. .
DURABILITÀ, DURABILITADE, e DURABILITATE
Apri Voce completa

pag.258



1) id: 4d726abfd3f84a688a4f94867f03499c)
Esempio: Liv. M. Mostrar la grandezza, e la durabilità dello 'mperio di Roma.
196) Dizion. 4° Ed. .
DA PRESSO
Apri Voce completa

pag.12



1) id: 36940c230b6b45988928063239df0b03)
Esempio: Liv. M. E che nullo ne fosse fatto Tribuno l'anno da presso.
197) Dizion. 4° Ed. .
ONTOSAMENTE
Apri Voce completa

pag.408



1) id: 91b2c3d62f5248b5bd1e88bc599ab522)
Esempio: Liv. M. E com'elli si tornavano ontosamente fuggendo, il consolo gli seguitò.


2) id: bc94762a32ad4a09b5adc7117d7ba2ab)
Esempio: E Liv. M. altrove: Lo disonor delle osti, le quali si partirono ontosamente.


3) id: 3d91c60ca2b545e78d16f1cc175cf77a)
Esempio: E Liv. M. appresso: Se al lago di Regilla vi sconfiggemmo ontosamente, quì faremo il medesimo.


4) id: 7e59c5377bec4375bfd8d9b8351746a3)
Esempio: M. V. 1. 39. Si ritenne in Nocera ontosamente ischernito da' suoi avversarj.
198) Dizion. 4° Ed. .
MONTAGNUOLA
Apri Voce completa

pag.279



1) id: 71ce25fed3fa4741809a55e568d3dc59)
Esempio: Liv. M. Le belle montagnuole di Roma, i campi, e lo Tevero.
199) Dizion. 4° Ed. .
POLVERIERA
Apri Voce completa

pag.654



1) id: 0d0c5ced0d2c48849a3f25bb641c6092)
Esempio: Liv. M. E poi venía la polveriera più alta, e più spessa.