Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 736 msec - Sono state trovate 28343 voci

La ricerca è stata rilevata in 124228 forme, per un totale di 94562 occorrenze

4° Edizione
Diz Giu. totali
120857 3371 124228 forme
92514 2048 94562 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
280) Dizion. 4° Ed. .
IMBOSCAMENTO
Apri Voce completa

pag.723



1) id: 4fb90bb19ba741fd90ddf3c67bf4538c)
Esempio: Liv. M. Acciocchè li nimici non avessono paura d'imboscamento, nè di nulla subita cosa.
281) Dizion. 4° Ed. .
INIZZATORE
Apri Voce completa

pag.841



1) id: 4dba9feedffa4387812e549e06fd56db)
Esempio: Liv. M. Che del discordio, e de' romori era stato capo manifestamente, ed inizzatore.
282) Dizion. 4° Ed. .
RICHIAMO
Apri Voce completa

pag.135



1) id: ad52e98d83c044968611748874dc1711)
Esempio: Liv. M. Il popolo non potea soffrire il richiamo, e le lagrime del padre.


2) id: c0d8c56aa7b34858b611bfd398f5e35f)
Esempio: M. V. 1. 71. Della quale tirannía spesso veniva richiamo a' priori di Firenze.


3) id: ea0ae73974d448348d7c7781021508c0)
Esempio: Scal. S. Ag. Fanno gran richiami di te dinanzi a lui d'ogni vana parola, e d'ogni mal segno, che hanno udito, e veduto in te.


4) id: 3e68945c3f474e028dbca18335a94f04)
Esempio: G. V. 11. 91. 5. La gabella de' richiami a' consoli dell'arti.


5) id: 1a2b462278ac460881e4c2d572fe3b48)
Esempio: Dicer. div. Che accusa, che richiamo è questo, che voi fate a Cesare?


6) id: 09ef057f0a9849c799ef37a77414b347)
Esempio: Franc. Sacch. rim. 6. Che richiamo fece A Dio, che con sua possa gli difese.
283) Dizion. 4° Ed. .
SCEVERARE
Apri Voce completa

pag.375



1) id: d8d8826852514bbebebb1fef522a173f)
Esempio: Liv. M. L'una parte era sceverata dall'altra per li Romani, ch'erano accampati nel mezzo.
284) Dizion. 4° Ed. .
ASSEMBRAGLIA
Apri Voce completa

pag.297



1) id: 1ef7e6260440422c9df35b2b9326d428)
Esempio: Liv. M. Il Dittatore uscì di Roma, e alla primiera assembraglia sconfisse li nimici.
285) Dizion. 4° Ed. .
LEGANZA
Apri Voce completa

pag.39



1) id: 26a350bdee7f4de29d8b33dae665df4e)
Esempio: Liv. M. Rinnovellò la leganza cogli Etrurieni, poi si drizzò alle bisogne della città.


2) id: 1ff3272351574195ad7cdec5ab260f3b)
Esempio: Tac. Dav. stor.4. 353. Ora affinechè l'amicizia, e leganza nostra siano eterne, vi preghiamo a smantellare questa Colonia di mura.
286) Dizion. 4° Ed. .
MANGANELLA
Apri Voce completa

pag.145



1) id: 903d6ed5f7cf4f159e16b8d05039e5a9)
Esempio: Liv. M. Che vi dirò io delle torri, delle manganelle, e degli altri ingegni?


2) id: 3ad9e79d8cb64a9aa55a0dccb6840016)
Esempio: Buon. Tanc. 1. 1. Io fare' un sonar di manganelle, Ch'e' n'uscire', se tu v'avessi il tarlo (quì figuratam.)


3) id: bab1e64bbfc24e5889651a735addda59)
Esempio: Tac. Dav. ann. 1. 20. Cacciati con manganelle, e quadrella, in vano chiedevano accordo (quì il Lat. ha: tormentis, sagittisque pulsi)


4) id: ca52f89c27624cc4846aaf3f77e9fa3d)
Esempio: Vegez. Gitta la pietra a due mani a modo di manganella (quì il Lat. ha: instar onagri)
287) Dizion. 4° Ed. .
PETROSO
Apri Voce completa

pag.590



1) id: c9b4450012cb46bfa89e6cd8ef24a8a5)
Esempio: Liv. M. Prese la via un poco alta per un aspro monte, e petroso.


2) id: b43ffcff18cd4ddcbfd13d896112b1a2)
Esempio: Cr. 5. 21. 1. Simigliantemente (il susino) è aiutato ne' luoghi ghiaiosi, e petrosi, e ricusa il letame.
288) Dizion. 4° Ed. .
UDIENZA, e UDIENZIA
Apri Voce completa

pag.205



1) id: 0b6c8152afcb47f98760c0dba080ca5b)
Esempio: Liv. M. Bruto trasse il coltello tutto sanguinoso, e disse in udienza di tutti.


2) id: 3750d3971e3d4aa2900ef526fe105134)
Esempio: Buon. Fier. 1. 1. 2. Queste, e altre simili Parole ec. Io lessi sull'uscir sopra la porta Dell'udienza di quel magistrato.


3) id: b155771490444b0e9dbd1c476a393141)
Esempio: Nov. ant. 39. 1. E questo disse in udienza del conte.


4) id: 87c1a5895a874c25abb90566a190c76b)
Esempio: Petr. canz. 27. 1. Date udienza insieme Alle dolenti mie parole estreme.


5) id: 4fd78d7c3f924063803c5986cb097f48)
Esempio: Salvin. pros. Tosc. 1. 422. Diceva un grande antico oratore, l'udienza del popolo, quanto più era molta, e frequente, servire come di flauto al dicitore, ed essergli instrumento a crescergli e lena, e voce.


6) id: 7f0e26c6948f408caece2683ec175c22)
Definiz: §. I. Dare udienzia, vale Stare a ascoltare. Lat. audire, auscultare. Gr. ἀκούειν.


7) id: bf02040ae06346a2952f45b7a8a55abb)
Definiz: §. II. Dare udienza, si dice propriamente de' Principi, o altre persone di distinzione, quando ascoltano chi va loro a parlare; e Chiedere udienza , o Avere udienza, si dice del Proccurare, o Ottenere d'essere ascoltato.
289) Dizion. 4° Ed. .
APPICCOLARE
Apri Voce completa

pag.232



1) id: 7a4906b3bf49454fa63b68eb28ce3fc6)
Esempio: Liv. M. E la 'nvidia, ch'io avrei avuta, di continuare il magistrato, sia appiccolata.


2) id: 8fc6f7311b12471a82260ae44aa4acfa)
Esempio: E Liv. M. altrove: Nè i Re, non ch'altri, mai appiccolaro la maestà del Senato.


3) id: b9cbfbfeb6c1441a81e101f350e5c96d)
Esempio: M. Aldobr. Galieno fue addomandato, perchè egli appiccolava ciascun giorno sua vivanda.
290) Dizion. 4° Ed. .
AZZIMARE
Apri Voce completa

pag.357



1) id: 17afcc51cd2e43d8859dcd41fb959bdb)
Esempio: Liv. M. Fu accusata d'avolterio, e fu avuto di lei sospeccione, perocchè troppo s'azzimava.
291) Dizion. 4° Ed. .
UNCICARE
Apri Voce completa

pag.307



1) id: 851d83de899f4d90bcef3cb942a0222c)
Esempio: Liv. M. Mentre ch'elli teneano il consiglio, i cavalieri uncicaro, e arrapparo la preda.
292) Dizion. 4° Ed. .
ANTICAMERA
Apri Voce completa

pag.212



1) id: e638ac2b05b14f3fa8b763a70e8449e7)
Esempio: Liv. dec. 1. E trovarono Lucrezia, non ec. siccome egli aveano trovato l'altre nuore del Re, anzi la trovarono nell'anticamera sua, che vegghiava colle sue cameriere.
293) Dizion. 4° Ed. .
DISBARATTARE
Apri Voce completa

pag.157



1) id: 3e5beb8b78474e93aa0ace0eac04e87d)
Definiz: V. A. Sbaragliare, Sbarattare. Lat. in fugam coniicere, praecipitare, Liv. Gr. φυγαδεύειν.


2) id: 4d034389104246dd9242040b963ba1be)
Esempio: Liv. M. Assaliro i nemici per sì gran forza, e per sì grande izza, che a una spronata gli disbarattaro.
294) Dizion. 4° Ed. .
DILATARE
Apri Voce completa

pag.114



1) id: c58ee5730b4c4e4aa6a068af6c072427)
Definiz: §. Per Trattenere, Allungare, Prolungare, Differire. Lat. prolatare, Liv. Gr. παρεκτείνειν, ἀναβάλλεσθαι.


2) id: 3730bd1ed6234e2388de3490d6bfc4d2)
Esempio: E G. V. cap. 136. 3. E così feciono, dilatando, e menando il Re per parole (così ne' buoni T. a penna)


3) id: f48514b42ba740a3a50a78d49b512223)
Esempio: G. V. 11. 59. 6. Dopo molte parole scusandosi, non facieno contro al comune di Firenze, ma contro a' Tarlati loro nimici, e dilatano per parole, attendendo la cavallería di Perugia, che venía al soccorso.
295) Dizion. 4° Ed. .
AGGRANCHIARE.
Apri Voce completa

pag.90



1) id: 3a3898649e904d009d127c2a241bee7b)
Esempio: Liv. dec. 3. Vanne tosto, e di' che essi cavino il segno, se per paura son loro aggranchiate le mani a divellerlo.


2) id: 2ce7d856b7f34b0490788e06c90d2605)
Esempio: Car. lett. 2. 153. O questi nomi soli non fanno aggracchiar le mani di freddo a quelli, che vi scrivono di quà?
296) Dizion. 4° Ed. .
RAGUNATA , e RAUNATA.
Apri Voce completa

pag.54



1) id: 79826e314cd043e98dc9c2b0a176fe3b)
Esempio: Liv. Dec. 3. Sarebbe stato il tribuno oltraggiato, se non fosse che tutta la ragunata si mosse fieramente contra 'l consolo.


2) id: 1b0fa5aaa2864000a2c166e6d1585576)
Esempio: E G. V. 9. 162. 1. I Fiorentini fecero subitamente raunata di venticinque centinaia di cavalieri.


3) id: f79bb38bb2cf4fceb916f829d3b4e776)
Esempio: E G. V. 9. 181. 1. Per li dodici rettori di Melano fu mandato a que' di Moncia, che cessassero la detta raunata.


4) id: 4491b492b2e649caaa0b85812eb5fa5d)
Esempio: G. V. 6. 48. 1. I signori della casa degli Ubaldini ec. avevano fatta grande raunata in Mugello, per fare oste a monte Accinico.


5) id: 31693db6a5d34e2b99e9e87fef408339)
Esempio: Boez. Varch. 1. pros. 4. Parmi di vedere le empie sette, e ragunate degli uomini scelerati tutte liete, e festanti.


6) id: 7385e8c3477b48a08995f10d38641175)
Esempio: Mor. S. Greg. Combatterà con noi non solamente colla sua propria forza, ma eziandío colla ragunata de' suoi seguaci.
297) Dizion. 4° Ed. .
ARMAMENTO
Apri Voce completa

pag.261



1) id: 27b72d970c7847809dfb96403722851c)
Esempio: Liv. dec. 3. La notte luceva la Luna, e essi, levato in alto gli armamenti, venivano, e incontanente fatto segno ec.
298) Dizion. 4° Ed. .
GABBO.
Apri Voce completa

pag.559



1) id: bf1d21c3b8ea41c4b9008c68cd196fab)
Esempio: Liv. M. Alcuni domandavano a' messaggi per gabbo, e per dispetto, s'egli avieno ordinato alcuna magione.


2) id: 5cf969c772cc4aa184cb8cd83a7dc71b)
Esempio: Liv. M. I consoli medesimi si faceno gabbo di loro povertà.


3) id: e2d2c8a175b84385be51f219ed433622)
Esempio: Nov. ant. 78. 1. Dissegli tutto 'l fatto; il signore se ne fece gabbo.


4) id: 3f6aa5bb034e445d86f424e19dd88802)
Esempio: Dant. Inf. 32. Che non è impresa da pigliare a gabbo, Descriver fondo a tutto l'universo.


5) id: 0cffcb80d1894fcc890b0dae26516be5)
Definiz: §. I. Pigliare a gabbo, vale Pigliare in giuoco, in ischerzo. Lat. parvipendere. Gr. ὀλιγωρεῖν.


6) id: f45fdd2a9aba4481baf261e817a1286b)
Esempio: Ordinam. Mess. Lo camice, lo qual si mette lo prete dopo l'amitto, significa lo vestimento bianco, lo quale fece Erode in gabbo, e in derisione a Giesù Cristo.
299) Dizion. 4° Ed. .
STECCARE
Apri Voce completa

pag.734



1) id: 93f7499547ed43fa8995fe1a4baf448f)
Esempio: Liv. M. S'imprese a guernire, e steccar la sua oste in un monte il più prossimano.


2) id: 1865d32508f142a4ba064e9bb25bc122)
Esempio: E Liv. M. appresso: Attendarsi, e steccarsi di sotto alla montagna d'Albalunga.


3) id: 97180a428dc94102aaf1ab0e1f7f4dbe)
Esempio: E Stor. Pist. 157. La gente de' Pisani rimane a oste intorno a Lucca, e quella steccano, e affossano per modo, che vettovaglia non vi si può mettere.