Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 506 msec - Sono state trovate 1434 voci

La ricerca è stata rilevata in 3379 forme, per un totale di 1913 occorrenze

4° Edizione
Diz Giu. totali
3308 71 3379 forme
1874 39 1913 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
100) Dizion. 4° Ed. .
INFASTIDIRE
Apri Voce completa

pag.811



1) id: 79f76b2f8edf42359362551a730bfee9)
Esempio: Ovvid. Pist. Ciascuno gl'infastidisce, e fugge.
101) Dizion. 4° Ed. .
ADDOTTRINEVOLE.
Apri Voce completa

pag.59



1) id: dfa291c732b54670a800f48140793fca)
Esempio: Sen. Pist. La natura t'ingenerò addottrinevole.
102) Dizion. 4° Ed. .
LESINA
Apri Voce completa

pag.51



1) id: 09ae361463ac4de9b46d8af7fcb2e733)
Esempio: Sen. Pist. Essere armato d'una lesina.
103) Dizion. 4° Ed. .
FINE
Apri Voce completa

pag.463



1) id: b1791eecd3fe42ce82172d2b43783b36)
Esempio: Ovvid. Pist. La fine lodi l'opera.
104) Dizion. 4° Ed. .
DISONESTAMENTE.
Apri Voce completa

pag.185



1) id: c97c8a5cc68f4ccc845370f7cc789cdd)
Esempio: Ovid. Pist. Ella disonestamente avolterata ti cognobbe, marito; ma l'onestà diede te a me, e me a te.
105) Dizion. 4° Ed. .
FALLIRE
Apri Voce completa

pag.336



1) id: 51e92cf7856d40ed8bfc9d6362781b14)
Esempio: Ovid. Pist. S. B. Io mi sforzai tre volte di parlarti, e tre volte mi fallì la lingua.
106) Dizion. 4° Ed. .
AVOLTERATO
Apri Voce completa

pag.342



1) id: fc0be90b2a184ced86a8e445c6b449a5)
Esempio: Ovid. Pist. Ella disonestamente avolterata ti cognobbe marito, ma l'onestà diede te a me, e me a te.
107) Dizion. 4° Ed. .
ARRICCIATO
Apri Voce completa

pag.269



1) id: 79f267fc6152456eb69f7b04b6bd2ab4)
Esempio: Ovid. Pist. Il quale è coperto dell'aspro velluto quoio, spogliato, per le tue forze dalle coste dell'arricciato lione.
108) Dizion. 4° Ed. .
CORPO
Apri Voce completa

pag.824



1) id: 22fe2f6710ef4781903a0caf2d60384b)
Esempio: Ovid. Pist. Le dette tre Iddee sottomisono le loro corpora al mio giudicio nella valle della selvaggia Ida.
109) Dizion. 4° Ed. .
BENE
Apri Voce completa

pag.414



1) id: e7d07e3aad684c96a3e46b213b82ee15)
Esempio: Ovid. Pist. E domandò, come tu stai, e se tu dormi bene, e se tu prendi il cibo.
110) Dizion. 4° Ed. .
BIANCHEGGIARE
Apri Voce completa

pag.426



1) id: 6784e6f1d0b645b392bddeb7e1bcc1e4)
Esempio: Ovid. Pist. Innanzi mi tranghiotta la terra, o ardami il vermiglio fuoco, che sanza me biancheggi il mare.
111) Dizion. 4° Ed. .
VAGHEGGIATORE
Apri Voce completa

pag.185



1) id: 044ddfc3747b44bfa663b4991624f336)
Esempio: Ovid. Pist. 2. Gl'innamorati vagheggiatori dell'isola di Dulichio, e di Samo ec. m'assaliscono, siccome disonesta, e lussuriosa schiera.
112) Dizion. 4° Ed. .
DISPENSARE.
Apri Voce completa

pag.191



1) id: 0eafdf9ab7174311a0ba91191c51b68b)
Esempio: Ovid. Pist. Allora le fatali sirocchie, le quali dispensano li mortali avvenimenti, dovevano a ritroso volgere le mie fila.
113) Dizion. 4° Ed. .
DOMANDARE
Apri Voce completa

pag.235



1) id: 8c73b1f84fdb45c98ccf07e136d5098f)
Esempio: Ovid. Pist. Imperciocchè tu, la qual se' Dea, scendesti del cielo, e domandasti l'uomo mortale (cioè: richiedesti uomo mortale)
114) Dizion. 4° Ed. .
ACCONCIO.
Apri Voce completa

pag.37



1) id: c04872db86b24b6ea222458ff7abc06c)
Esempio: Ovid. Pist. Il vento era acconcio alli marinari, e non a me amante. (cioè, secondo il bisogno de' marinari.)
115) Dizion. 4° Ed. .
SCESO
Apri Voce completa

pag.375



1) id: b37350d2347f473ab9e5ed6487af58ea)
Esempio: Ovid. Pist. 41. Si mise le tue belle armi guadagnate dalle tue prodezze sopra la gente iscesa di Dardano.
116) Dizion. 4° Ed. .
ARRAPPARE
Apri Voce completa

pag.268



1) id: 24742c7d6fc74f18ac525dfaf91cb6ac)
Esempio: Ovid. Pist. 39. L'animo mi confortava d'andare in mezzo dell'ornata gente, e d'arrappare le grillande dell'oro delle composte trecce.
117) Dizion. 4° Ed. .
AGGAVIGNARE.
Apri Voce completa

pag.85



1) id: a5bc11b253b1451fb6057f33eef6fa0d)
Esempio: Ovid. Pist. Certo se l'altrui braccia aggavignassono il tuo collo candido, il nuovo amore del nostro amore sarebbe fine.
118) Dizion. 4° Ed. .
TIMIDO
Apri Voce completa

pag.77



1) id: e5bc5845f96e427db26e981383318d13)
Esempio: Ovid. Pist. 9. La qual cosa poichè pervenne a' miei timidi orecchi, il mio petto è stato sanza anima.
119) Dizion. 4° Ed. .
UMILIATO.
Apri Voce completa

pag.305



1) id: 42541d82168e4e87a98f4e28eddce979)
Esempio: Ovid. Pist. 44. Abbia buono, e dolce vento navicando per gli umiliati mari (il T. Lat. ha: pacata aequora)