Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 595 msec - Sono state trovate 24382 voci

La ricerca è stata rilevata in 92796 forme, per un totale di 67257 occorrenze

4° Edizione
Diz Giu. totali
90061 2735 92796 forme
65679 1578 67257 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
240) Dizion. 4° Ed. .
INGIALLIRE
Apri Voce completa

pag.831



1) id: 5b941446a7b84959ad460c71df9571b0)
Esempio: Red. esp. nat. 30. Quindi dopo qualche giorno comincia appoco appoco ad ingiallire.


2) id: d7f1e60953ed44638ffc7f6df0b1b425)
Esempio: E Red. cons. 1. 290. Cresciuti alla grandezza d'un'uliva, cominciano ad ingiallire.
241) Dizion. 4° Ed. .
INGOZZARE
Apri Voce completa

pag.837



1) id: 6f3c4f9ec80a4c4d936f4ecb93ce5694)
Esempio: Red. esp. nat. 66. Che le gru ingozzino questi sassolini, lo accennò Eliano.
242) Dizion. 4° Ed. .
INGREDIENTE
Apri Voce completa

pag.839



1) id: f32aae81a5b5462eab8009778fe3bfca)
Esempio: Red. esp. nat. 96. Noverano questo pepe di Ciapa fra gl'ingredienti del cioccolatte.


2) id: 1ca97bb4aecb42a6b32f5d04edfcd57b)
Esempio: Sagg. nat. esp. 167. Ora lavorandone ella medesima con altra maestría, e per avventura col semplice ingrediente dell'aria, volemmo vedere, se ec.


3) id: 8816eb47dc464a31b3ca5d34d306c517)
Esempio: Buon. Fier. 1. 2. 2. E sì dello spezial, cui fumo agli occhi Di qualche ingrediente ec. No 'l lasciò intender l'altrui dubbio scritto.
243) Dizion. 4° Ed. .
PARTORIENTE.
Apri Voce completa

pag.506



1) id: f1d6049b1be642d19e53f1a273eb9b63)
Esempio: Red. esp. nat. 58. Legando la pietra ad una delle cosce della partoriente.
244) Dizion. 4° Ed. .
SCOPPIO
Apri Voce completa

pag.417



1) id: dcb5deed8efe416ca31d05b133c55766)
Esempio: Red. esp. nat. 17. Quando dava fuoco, faceva la pistola un grandissimo scoppio.


2) id: c8d8ff52eb4b4e99bab20a2b221a684c)
Esempio: E pros. Tosc. 1. 84. Il medesimo pensiero, e discorso, uscendo più da una bocca, che da un'altra, fa più scoppio, ed ha maggior forza, e valore.


3) id: 96e319961f7540cc81a7dd0300365a90)
Esempio: Salvin. disc. 1. 394. Ci donano a conoscere il pregio della virtù non essere così a prima vista palese, nè fare quello scoppio, che fa una sfolgorante bellezza.
245) Dizion. 4° Ed. .
MANIPOLARE
Apri Voce completa

pag.151



1) id: d77052e3bc114ca68f4abf046601b03d)
Esempio: Red. esp. nat. 14. Perchè così fatte medicine ec. dalle fate si manipolavano.
246) Dizion. 4° Ed. .
BURRASCA
Apri Voce completa

pag.488



1) id: 33682a66813d4d7cac841842ae931f1e)
Esempio: Red. nat. esp. In evento, che il mare improvvisamente si gettasse a burrasca.


2) id: c0b4ade8882c4401a0fd7601af5b9d88)
Esempio: Buon. Fier. 3. 5. 2. Avvezzo alle burrasche, ed a' trambusti.


3) id: b6be43e65d414e5998375d8962a7a731)
Esempio: Malm. 8. 2. Manca in qual mo' si può correr burrasca.
247) Dizion. 4° Ed. .
CARICATURA.
Apri Voce completa

pag.568



1) id: 14785cf5205e49ca8ab289dec2fcfb1b)
Esempio: Red. esp. nat. 21. Sopra la stoppa metteva una conveniente caricatura di polvere.
248) Dizion. 4° Ed. .
FATTIZIO
Apri Voce completa

pag.413



1) id: 27126428dec149ba83cb24a0cea26850)
Esempio: Red. ins. 34. Non si era veduta mai ec. nè osservata questa generazione di api fattizie.
249) Dizion. 4° Ed. .
LUPPOLO.
Apri Voce completa

pag.103



1) id: ef20f58132b04bbe89dbc212a2b6b48b)
Esempio: Red. cons. 2. 30. Acqua di luppoli stillata a stufa.


2) id: ca906fa831e942d4b733aabe9e70e73f)
Esempio: E Red. cons. appresso: Bevendo al solito le due libbre d'acqua di luppoli.
250) Dizion. 4° Ed. .
DISGRAZIATO.
Apri Voce completa

pag.179



1) id: 3eea50fde1d84542bbd2587f7cf83b79)
Esempio: Red. Vip. 1. 39. Più disgraziati di costoro furono due galletti.


2) id: e3b070986bc844248aaf03788645b890)
Esempio: E Red. lett. 2. 106. Quest'anno V. Sig. è disgraziato.


3) id: 01658a9ca6824f2b91079c2f407e955b)
Esempio: Amm. ant. 16. 2. 5. Disgraziato è quel benificio, lo quale alcuno con tristizia dando, pare, che così il dea, come gli fusse tolto.
251) Dizion. 4° Ed. .
GIUDICIOSAMENTE, e GIUDIZIOSAMENTE.
Apri Voce completa

pag.622



1) id: dec4c744576949c1a49f1a5f15b99b5a)
Esempio: Red. Vip. 1. 27. Più giudiziosamente Cornelio Celso, ed Aezio ammonirono.
252) Dizion. 4° Ed. .
FUNZIONE
Apri Voce completa

pag.547



1) id: 026f2321feaf43248050be1e61283327)
Esempio: Red. Vip. 1. 61. A' quali s'aspettava di far questa funzione.
253) Dizion. 4° Ed. .
PURGATO.
Apri Voce completa

pag.778



1) id: e1727fa9e6cd40c6a3f552976985714a)
Esempio: Red. Vip. 1. 27. Attaccarvi una, o due mignatte ben purgate.


2) id: b1038d42cd374a7aa3bb2e81ec178356)
Esempio: Cas. lett. 71. Che se tu udirai in alcun tempo le voci di Platone, e d'Aristotile, e di Cicerone, e di molti altri con le orecchie purgate ec. tu conoscerai ec. (quì per metaf.)
254) Dizion. 4° Ed. .
CICATRIZZARE.
Apri Voce completa

pag.659



1) id: 2a75c2b406844683a7d685d7c46fe491)
Esempio: Red. esp. nat. 34. Questo sugo ec. con prestezza rammargina, e cicatrizza le piaghe.
255) Dizion. 4° Ed. .
MUSEO
Apri Voce completa

pag.311



1) id: 8aa55c2b8fb84724930a908dad8a6fb6)
Esempio: Red. Oss. an. 2. Nel museo Bolognese del famoso Ulisse Aldovrando.


2) id: 513a0c64af3248b2915b3a96da39ac0a)
Esempio: E Red. Esp. nat. 97. Olao Vormio nel capitolo diciottesimo del secondo libro del suo museo ec. racconta ec. (quì titolo d'un libro particolare)
256) Dizion. 4° Ed. .
NULLADIMENO.
Apri Voce completa

pag.367



1) id: 2866ab64d7814186a9d28fb9f2294628)
Esempio: Red. cons. 1. 250. Soggiugnerò nulladimeno quì di nuovo qualche cosa.


2) id: fd024230bd854a7f86ee66baac60123c)
Esempio: E Red. cons. 2. 70. Nulladimeno bisogna farsi animo, bisogna rcorrere ai medicamenti.
257) Dizion. 4° Ed. .
CALOROSO.
Apri Voce completa

pag.514



1) id: b4a9f5ae179c4253a0c42f72a9b975a3)
Esempio: Red. cons. 1. 130. Ne nasce per necessità un bollore caloroso.
258) Dizion. 4° Ed. .
ACCIVETTATO.
Apri Voce completa

pag.31



1) id: bf21c0929bd34b2382fe75d272a534eb)
Esempio: Red. Rim. Questo cuore accivettato Schernirà zimbelli, e fischio.
259) Dizion. 4° Ed. .
ATTRIBUTO
Apri Voce completa

pag.321



1) id: 49b1e9850fed4df682099e3be55449ea)
Esempio: Red. annot. Ditir. 1. Ogni parola è un titolo, e un attributo di Bacco.