Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 768 msec - Sono state trovate 28062 voci

La ricerca è stata rilevata in 117101 forme, per un totale di 87681 occorrenze

4° Edizione
Diz Giu. totali
113619 3482 117101 forme
85557 2124 87681 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
220) Dizion. 4° Ed. .
CONSONANTE
Apri Voce completa

pag.777



1) id: 371bb5f8d5e7421dbb5ac245b8defb0c)
Esempio: Salv. Avvertim. 1. 3. 1. 8. Sedici restano le consonanti nella vista della scrittura, ma i lor suoni fieno almeno venticinque. Di queste consonanti alcune, come si è detto, si chiamano semivocali ec.
221) Dizion. 4° Ed. .
STRASCICO.
Apri Voce completa

pag.769



1) id: cb52126287c54dd2a3adc39702f06e6b)
Esempio: Salv. Granch. 2. 2. Cappello, ed un paio di borzacchini Avrò io; pelliccia, che sia 'l caso, No, s'io non l'accattassi, che le mie Son, come dire, da gottosi, larghe, Gravi, ed hanno, si può dir, lo strascico.


2) id: 2988387a321e4158affcaa42081c419b)
Esempio: Malm. 1. 59. E paion con la spada in su le polpe Un, che faccia lo strascico alla volpe.
222) Dizion. 4° Ed. .
BOCCACCEVOLE
Apri Voce completa

pag.442



1) id: 1e820d6e4e1a4a87ac74e12c263fbadd)
Esempio: Salv. Avvert. 1. 2. 5. E se motteggiar vogliono alcuni di lor professione, o qualunque altro, che detti nel volgar nostro, dicono: egli è bembesco, egli scrive alla boccaccevole, egli è troppo affettato.
223) Dizion. 4° Ed. .
USSO.
Apri Voce completa

pag.343



1) id: 6d000f4570114eb4828d5685a42454f0)
Esempio: Salv. avvert. 1. 2. 14. Quasi il portarli (gli usatti) fosse cosa da usse, che vivono alla foresta, e quindi, cioè da usse, che più comunemente si chiamano zingane, venisse lor quel nome.


2) id: d993aa0a603d431d8995fb0e41fea8de)
Esempio: Bern. rim. 1. 3. Poi fu mantello almanco di tre usse.


3) id: 0b075f766ffa467a8c683925fd4c35f8)
Esempio: Ciriff. Calv. 3. 98. Degli Arbi, che nè zingani, nè ussi Non sono al camuffar sì pronti, e destri, To' qual tu vuoi.
224) Dizion. 4° Ed. .
DISAVVENENTEZZA
Apri Voce completa

pag.156



1) id: d7ad8bd6b25c4cc8a3015e20c12239ad)
Esempio: Salv. Avvert. 1. 1. 14. Non solamente non disavvenentezza, o difficultà, ma leggiadría, e agevolezza ci par Che rechi a questa clausula la replica del verbo, significato con due voci diverse.
225) Dizion. 4° Ed. .
STARNAZZARE
Apri Voce completa

pag.731



1) id: b809566f40754f05941ee2412665f6ed)
Esempio: Salv. Avvert. 1. 2. 14. Parimente lo starnazzare, ch'è formato da starna, non pur di questo, ma dicesi egualmente di ciascun altro uccello, e non fa forza, se da principio fu metafora, o no.


2) id: 5396b31c89314250847d6ddb8426235f)
Esempio: Buon. Fier. 1. 4. 8. Assaltan le botteghe, mangian, beono Saccheggiatori, e ciò, che c'è starnazzano.
226) Dizion. 4° Ed. .
COMA
Apri Voce completa

pag.707



1) id: 605f5391b6d147599d638ab8d88f5454)
Esempio: Salv. Oraz. Quante volte per ammendare un luogo ec. una parola, una lettera, un accento, una coma in uno scrittore, si mise egli a leggere i libri interi?
227) Dizion. 4° Ed. .
RIMESCOLAMENTO
Apri Voce completa

pag.177



1) id: 7706c086b2a84018aa28188f255685a4)
Esempio: Salv. Spin. 1. 1. Cio fu, che madonna Ginevra, e la sua sorella, tuttochè del rimescolamento avuto pochi dì poi si morissero, tuttavia in questa parte de' fanciulletti se la passarono assai chetamente.


2) id: 3ba0582810da471daec6085729a05f9b)
Esempio: E Cof. 4. 4. Non l'arei mai potuto credere, S'io non avessi in sì fatto travaglio Trovata la padrona, la qual presone Ha tanto rimescolamento, ch'ella ne È stata per morire.


3) id: cd6acad061944df9aeb84ce70cb6344e)
Esempio: Ambr. Furt. 5. 4. E tanto rimescolamento ne ho preso, che come tu hai veduto, mi si è smosso il corpo di sorte, che mi è bisognato o per amore, o per forza starmi più di due ore in casa, e continuamente, siccome tu hai veduto, sul destro.
228) Dizion. 4° Ed. .
RAFFINAMENTO.
Apri Voce completa

pag.42



1) id: 61568b32378c44adbae4a37f8a2ee3b5)
Esempio: Salv. Avvertim. 1. 2. 19. Ma non si sdegnino per Dio i presenti uomini della nostra città, non d'imparare dalli starni, ma solamente di ripigliar dagli avoli, non dico tutto il linguaggio, ma un cotal raffinamento dell'idioma loro.


2) id: 7cbf604ff39e41a2a116fa4cbe80fce5)
Esempio: Salvin. disc. 2. 372. I moderni hanno talora qualche raffinamento dall'arte.
229) Dizion. 4° Ed. .
ELETTIVO.
Apri Voce completa

pag.275



1) id: 0522ece6c3324436bedd499d66652553)
Esempio: Salv. dial. Amic. 44. Due sono similmente l'amicizie più strette, la naturale, la quale noi diciamo affinità ec. e la elettiva, per dir così, della quale ha da esser principalmente il nostro ragionamento.
230) Dizion. 4° Ed. .
COLLISIONE
Apri Voce completa

pag.699



1) id: 829abc80415849e6991e4dcfbd19b323)
Esempio: Infar. 2. 358. Collisione è tutto il contrario, cioè concorso, affronto, e percuotimento.


2) id: e96807f1c4054f9ebde04b9951181d42)
Esempio: Car. lett. 2. 113. Di questi luoghi ce ne troverete assai, dove la collisione (chiamandole pur latinamente) parrà forse viziosa.
231) Dizion. 4° Ed. .
SALISCENDO, e SALISCENDI
Apri Voce completa

pag.304



1) id: acda2c92a06140e29decbc37b4bf1cbf)
Esempio: Salv. Spin. 5. 9. Alzando Madonna Fulvia il saliscendo così un poco per trarla dentro, fu da gente di fuori sbattuta, e spalancata questa porta con una spinta, ed entrato in casa.
232) Dizion. 4° Ed. .
COLLETTIVO
Apri Voce completa

pag.698



1) id: 7c4151b17c4e425497344343289584fb)
Definiz: Add. Termine grammaticale; e dicesi di Que' nomi, che sendo generici, comprendon sotto di loro molti individui, come città, popolo, e simili; e nella nostra lingua, come in alcun'altra, benchè posti nel singolare, s'accordano anche, e reggono il plurale. v. Salv. avvert. 2. 1. 2.
233) Dizion. 4° Ed. .
DIGNITOSO
Apri Voce completa

pag.112



1) id: 5d1d13c3ad53404b840afd319ca3732d)
Esempio: Fr. Giord. Salv. Pred. 18. Il Papa quando consacra, sì vi sono molti vescovi, e nullo dee tenere in capo corona di gemme, ma feriali; solo il Papa tiene corona dignitosa.


2) id: 981beff9388b4c97a16b4056a2d3870f)
Esempio: Dant. Purg. 3. Ei mi parea da se stesso rimorso, O dignitosa coscienza, e netta, Come t'è picciol fallo amaro morso!
234) Dizion. 4° Ed. .
AMMIRATORE.
Apri Voce completa

pag.159



1) id: 1aa9b453bc0442c98620f46c2f9736df)
Esempio: Buon. Fier. 3. 4. 2. Delle cose mutate ammiratore.
235) Dizion. 4° Ed. .
APPASSITO
Apri Voce completa

pag.227



1) id: dbe8844c5f82421881ad95b98a541643)
Esempio: Buon. Fier. 2. 3. 4. Secche, alide, appassite, trasparenti.
236) Dizion. 4° Ed. .
ACCENTO.
Apri Voce completa

pag.26



1) id: 1964abfe07cb4a369f71fc051e23878f)
Definiz: Quella posa, che si fa nel pronunziar la parola, più in su una sillaba, che in sull'altre: e dicesi ancora a quella picciola linea, che dinota tal posa. Lat. accentus. Gr. προσωδία. v. Salv. Avvert. pr. vol.


2) id: df7ed9ee0e874bf7ac19dd5a8430e377)
Esempio: Buon. Fier. 1. 1. 2. Tal ch'un accento, Un titolo d'un i non mi s'occulti.


3) id: 6f3856717a9948a0844f027382976c42)
Esempio: Dant. Inf. 3. Parole di dolore, accenti d'ira.
237) Dizion. 4° Ed. .
ADOPRARE.
Apri Voce completa

pag.66



1) id: 48383a27880a4f62bad2146000684cb2)
Esempio: Salv. Avvert. 1. 2. 15. Adoprare, sgombrare, temprare ec. per adoperare, sgomberare, temperare ec. si lasciano il più al verso, e solo ad alcuni tempi opportuni, che c'insegnano i maestri del ben parlare; ma rade volte son messi in opera dal favellare sciolto.
238) Dizion. 4° Ed. .
DECAMERONE
Apri Voce completa

pag.60



1) id: 77fb72b17c2643619e44c925ae52edfb)
Esempio: Salv. Avvert. 1. 1. 13. Quanto al nome Decameron, egli si legge tredici volte nel libro del Mannelli, e sempre nella stessa guisa Decameron ec. per la qual cosa si può tener per fermo, che il vocabolo Decamerone ec.
239) Dizion. 4° Ed. .
ARTICOLO
Apri Voce completa

pag.278



1) id: f9d6220852514509bf75fe98db470816)
Definiz: Parola declinabile, che aggiunta a nome, o pronome ha forza di determinare, e distinguere la cosa accennata, e sono, IL, LO, LI, LA, LE; della natura, e forza del quale, v. ne' suoi avvertim. il Salv. Avvertim.. Lat. articulus. Gr. ἄρθρον.


2) id: e83935bb2f1740488f6689afb4ec987e)
Esempio: M. V. 2. 24. Vedendo, che questo articolo, non terminandosi, portava infamia, e pericolo alla Reina.


3) id: d3ed8721c5874a76899479c07b32c5a1)
Esempio: E G. V. num. 3. E presenti detti ambasciadori, abbominò Federigo di tutti tredici articoli.


4) id: 11bf919cd3f64a42a04e8053eb82790a)
Esempio: G. V. 6. 25. 2. Dovesse venire al detto Concilio, siccome luogo comune, a scusarsi di tredici articoli provati contr'a lui, di cose fatte contro alla fede.