Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 3° Ed. .
RADICE.
Apri Voce completa

pag.1309


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
RADICE.
Definiz: Erba. Lat. radicula, raphanus.
Esempio: Cr. 6. 99. 1. La radice è un'erba, la cui radice così s'appella, e dilettasi in aere nebbioso, avvegnachè in ogni aere nasca, e alligni.
Esempio: Vit. Plut. E li doni, ch'e' dava a' Greci erano bietole, lattughe, e radici.
Esempio: Burch. Che ci è delle radici con due code.
Esempio: Alam. Colt. 5. Di più acuto sapor nassi, e radici.