Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 4° Ed. .
SCARICO
Apri Voce completa

pag.364


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
» SCARICO
SCARICO.
Definiz: Add. da Scaricare; Scaricato. Lat. exoneratus, onere levatus. Gr. ἀποφορτιθείς.
Esempio: Fir. As. 208. Scarico della soma, scansai tanto manifesto pericolo.
Definiz: §. I. Per metaf. Lat. solutus, hilaris. Gr. φαιδρός.
Esempio: Gell. Sport. 1. 2. Oh io sono tutto scarico, che io ho trovato la sporta dove io la nascosi.
Esempio: Fir. disc. an. 39. Parendoli aver fatto una bella prova, se ne tornò tutto scarico a dormire.
Esempio: Tac. Dav. stor. 1. 251. Cominciando allora, scarico di ogni pensiero, a perdersi nell'allegrezza.
Definiz: §. II. Scarico di colore, e Scarico assolutam. parlandosi di liquori, vagliono Chiaro, Limpido. Lat. dilutus, clarus. Gr. λαμπρός.
Esempio: Soder. Colt. 75. Questo stabilirà il vino, e lo farà scarico di colore.
Definiz: §. III. Scarico di collo, o di gamba, o simili, parlandosi di cavallo, o d'altri animali, vale Che abbia il collo, o la gamba ec. sottile, svelta. Lat. astrictus.
Definiz: §. IV Scarico, parlandosi di tempo, vale Rasserenato, Che non minaccia più pioggia. Lat. tranquillus, sine nube. Gr. εὔδιος, αἴθριος.
Esempio: Car. lett. 1. 19. Cavando il capo fuori, di quà, disse, il tempo è scarico; domani di certo non pioverà.