Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 2° Ed. .
STALLO
Apri Voce completa

pag.834


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 2 ° Ed.
» STALLO
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
STALLO.
Definiz: Lo stare, stanza, dimora, luogo dove si sta. Latin. mora, statio, domicilium.
Esempio: G. V. 9. 62. 2. Per lungo stallo, e mal tempo di pioggia, e l'oste malfornita di vivanda, ec. grande infermitade, e mortalitade fu nell'oste.
Esempio: N. ant. 75. 2. E non avendolo ancora meritato di suo stallo, Messer Rinieri gli disse.
Esempio: Cavalc. specch. cr. Quì è buono stallo, facciamoci tre tabernacoli.
Esempio: Tes. Br. 1. 15. E sì come l'uno avanza l'altro, ed ha orranza di stallo, così avanza l'un l'altro, per virtude.
Esempio: Com. Inf. 34. Degno, e giusto è, che in altra parte, o in altro luogo non sia pena, o stallo infernale.
Esempio: San. Grisost. Lo stallo di questa vita è lo 'ndugio di tornare a Cristo.
Esempio: E S. Grisost. appresso. Buono stallo, disse, è quì.
Esempio: Dan. Inf. 33 Per la freddura ciascun sentimento Cessato avesse del mio viso stallo.