Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 4° Ed. .
SALVAGGIUME
Apri Voce completa

pag.308


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
SALVAGGIUME.
Definiz: Tutte le spezie d'animali, che si pigliano in caccia, buone a mangiare. Lat. ferae, ferina. Gr. θηρίον.
Esempio: M. V. 7. 48. Il tiranno, perchè avea comandato, che il salvaggiume non si pigliasse con alcuno ingegno ec. incrudelì contro al semplice.
Esempio: Cron. Morell. 222. Appresso esce del Mugello gran quantità di formaggio ec. e simile salvaggiume in grande abbondanza.
Esempio: Tac. Dav. ann. 12. 145. Trovansi sparsi i salvaggiumi per terra.
Esempio: E Tac. Dav. ann. 15. 214. Eranvi uccellami, e salvaggiumi di varj capi del mondo.