Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 4° Ed. .
MISERANDO
Apri Voce completa

pag.256


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 5 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
MISERANDO.
Definiz: Add. Miserabile. Lat. miserabilis, miserandus. Gr.
Definiz: ἐλεεινός.
Esempio: Tac. Dav. ann. 4. 90. In questo consolato nacque esempio miserando, e atroce.
Esempio: E Tac. Dav. stor. 2. 282. Allora i vinti, e vincitori con un mare di lagrime, e miseranda allegrezza maladicevano l'armi civili.
Esempio: Fir. As. 124. I miserandi genitori per l'angoscia di tanto travaglio divenuti schifi della luce, serratisi in casa, si diedero alle tenebre d'una perpetua notte.
Esempio: Franc. Sacch. rim. 35. Quante famiglie ec. Che per lo tuo difetto miserando Andran peregrinando.