Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 2° Ed. .
DESSO
Apri Voce completa

pag.252


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
» DESSO
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 5 ° Ed.
DESSO
Definiz: pronome asseverativo. Quello stesso, quel proprio. Lat. ipse.
Esempio: Bocc. n. 12. 16. Parendomi voi pur desso.
Esempio: E Bocc. nov. 83. 4. Hai tu sentita stanotte cosa niuna? tu non mi par desso.
Esempio: E Bocc. n. 98. 21. Che i parenti suoi non la dieno prestamente ad un'altro, il qual forse non sarai desso tu.
Esempio: Dan. Inf. c. 28. Gridando, questi è desso, e non favella.
Esempio: Petr. Son. 291. Ch'i' grido: ell'è ben dessa ancora in vita.