Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 4° Ed. .
POSTO CHE
Apri Voce completa

pag.681


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
POSTO CHE.
Definiz: Avverb. Avvegnachè, Casochè. Lat. dato, supposito, quamvis. Gr. ὑποθές.
Esempio: Bocc. nov. 85. 2. Per la qual cosa, posto che assai volte de' fatti di Calandrino detto si sia tra noi ec. ardirò oltr'alle dette di dirvene una novella.
Esempio: Lab. 204. Posto che ella, forse non così buona abbachiera, gli dicesse ventotto.
Esempio: Dant. Purg. 16. Lo cielo i vostri movimenti inizia, Non dico tutti, ma posto ch'io 'l dica, Lume v'è dato a bene, e a malizia, E libero voler.
Esempio: E Dan. Vit. nuov. 35. La seconda si è, che, posto che fosse del presente proposito, ancora non sarebbe sufficiente la mia penna a trattare, come si converebbe, di ciò.