Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 4° Ed. .
SGUARDO
Apri Voce completa

pag.521


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
» SGUARDO
Dizion. 3 ° Ed.
SGUARDO.
Definiz: Lo sguardare, Veduta, Occhiata. Lat. intuitus, prospectus. Gr. ἔποψις.
Esempio: Dant. Inf. 17. Poi procedendo di mio sguardo il curro Vidine un'altra.
Esempio: E Dan. Par. 3. Ma quella folgorò nello mio sguardo.
Esempio: Petr. son. 215. O dolci sguardi, o parolette accorte.
Esempio: E Petr. son. 256. E 'l dolce sguardo, Che piagava il mio core, ancor l'accenna.
Esempio: Bocc. nov. 94. 5. Mentrechè vivesti, mai un solo sguardo da te aver non potei.
Esempio: Pass. 231. Gittava inverso il servo di Dio un pudico sguardo.
Esempio: Agn. Pand. 26. In quello di Firenze ne sono molti posti in aere cristallina, in paese lieto, bello isguardo, rare nebbie ec.
Definiz: §. Per Considerazione, Riguardo. Lat. respectus, ratio. Gr. περίσκεψις.
Esempio: Tes. Br. 1. 16. Non fanno altro, che seguire la lor volontà, sanza niuno sguardo di ragione.