Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 4° Ed. .
LEALTÀ, LEALTADE, e LEALTATE
Apri Voce completa

pag.36


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
LEALTÀ, LEALTADE, e LEALTATE .
Definiz: Lat. fides, fidelitas. Gr. τὸ πιστόν, πιστότης.
Esempio: Fior. Virt. A. M. Lealtà sì è d'avere pura, e perfetta fede, e non mostrare mai una per un'altra.
Esempio: Bocc. nov. 2. 3. La cui lealtà veggendo Giannotto, gl'incominciò forte ad increscere, che ec.
Esempio: Cron. Morell. 363. Lealtà passa tutto, E con vertà fa frutto.
Esempio: Petr. cap. 4. Perfida lealtate, e fido inganno.
Esempio: Franc. Sacch. rim. Se tutte le virtù compiutamente Fossono in uno, e lealtà non fosse.
Esempio: Tass. Ger. 3. 40. Gildippe, e Odoardo amanti, e sposi, In valor d'arme, e 'n lealtà famosi.