Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 2° Ed. .
SERRAGLIO
Apri Voce completa

pag.781


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
SERRAGLIO.
Definiz: Steccato, o chiusura fatta per riparo, o difesa. Lat. vallum, septum.
Esempio: G. Vill. 11. 42. 2. E quivi s'afforzarono con barre, e serragli.
Esempio: Petr. huom. Ill. E rotte le serraglia de' carri, per le quali il Re sperava aver fatto fermo l'oste.
Definiz:
Esempio: E Petr. huom. Ill. appresso per similit. Da Levante le serraglie dell'alpi dispartono gli Elvezj dagl'Italiani.
Definiz:
Esempio: E Petr. huom. Ill. altrove per metaf. E questo per tutto 'l tempo del suo regno stette serrato co' serragli della sua provedenza.
Definiz: E SERRAGLIO oggi diciamo al luogo, dove i Principi Turchi, e altri Barbari infedeli, tengono serrate femmine, per loro particolare uso.
Definiz: ¶ E serraglio a quello impedir, che fanno i giovani huomini, non lasciando passar la donna novella, quando ell'è uscita fuora la prima mattina sposa.
Esempio: Fir. Nov. Sappiendo, che un suo amico menava moglie, pensò, ec. di farle un serraglio, per averne qualche cosa dalla sposa.