Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 3° Ed. .
CAVADENTI.
Apri Voce completa

pag.304


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 5 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
CAVADENTI.
Definiz: Colui, che prezzolato, cava i denti ad altrui. Lat. dentiducus.
Esempio: Lib. Cur. Malatt. Se questa medicina non giova, fa di mestiere servirsi del cavadenti.
Esempio: Galat. E ci fa sovvenire di questi cavadenti, che noi veggiamo salire su per le panche.
Esempio: Burch. Maestro Xerse, e altri cavadenti.
Esempio: Allegr. 282. E mi fermo talora sbigottíto, Come chi siede appiè del cavadenti.