Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 5° Ed. .
LATTIFERO.
Apri Voce completa

pag.139


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 5 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
LATTIFERO.
Definiz: Add. Che produce latte, Che porta latte, Latticinoso; detto d'erbe o di piante.
Dal basso lat. lactifer. –
Esempio: Red. Esp. nat. 100: È radice di un frutice lattifero come il titimalo.
Esempio: Cocch. Cons. med. 1, 67: Erbe lattifere non acri, come lattughe, indivia, cicoria, ec.
Esempio: E Cocch. Cons. med. 2, 124: Si lodano le bolliture dell'erbe lattifere, flosculose, come lattuga, indivia, cicoria, ec.
Esempio: E Cocch. Op. 1, 230: Erbe o acetose o lattifere dolci, o qualche volta anco odorose ed amare.
Definiz: § E detto d'animali da latte, vale Abbondante di latte. –
Esempio: Ridolf. Lez. Agr. 1, 482: Siccome il lavoro sarà sempre, o per molto tempo ancora, il fine principale al quale dovrà corrispondere la comune specie bovina fra noi, non bisogna certo mirare a modificarla nel senso di renderne la razza più lattifera e più adattata all'ingrasso.