Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 1° Ed. .
PARAGGIO
Apri Voce completa

pag.591


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
PARAGGIO.
Definiz: Da pareggiare, paragone, agguagliamento, ragguaglio. Lat. aequiparatio, aequatio.
Esempio: Petr. cap. 12. E vederassi in quel poco paraggio.
Esempio: G. V. 12. 66. 10. E più di 1600. tra Conti, e Baroni, e Banderesi, e Cavalier di paraggio [cioè valoroso a ogni paragone]
Esempio: N. ant. 80. 2. Uccise di sua mano mille fra Re, e Baroni, e Cavalieri di paraggio.
Esempio: Rim. ant. E la beltà, ch'è 'n voi sanza paraggio.
Esempio: Passav. 209. E non trovando niuna altra creatura a suo paraggio, alla quale, per la sua condizione altiera, a maritar si potesse [cioè, che fosse suo pari]