Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 2° Ed. .
VELENO
Apri Voce completa

pag.914


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 2 ° Ed.
» VELENO
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
VELENO.
Definiz: Veneno. Latin. Venenum, virus.
Esempio: Boccae. Boccac. nov. 47. 12. Messere Amerigo, al quale, per avere a morte condotto Pietro, non era l'ira uscita, mise veleno in un nappo, con vino.
Esempio: Bocc. Introd. n. 9. Come se veleno avesser preso.
Definiz: ¶ Per metaf. stizza, odio rabbioso. Latin. rabies, indignatio.
Esempio: G. V. 6. 34. 1. Sì volle in quella spandere il suo veleno, e far partorire le maladette parti.
Esempio: Lab. n. 201. Ella sarebbe di stizza, e di veleno scoppiata.
Esempio: Filoc. lib. 2. 14. 2. Tanto il segreto veleno adoperò in loro subitamente.