Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 2° Ed. .
ARNIA
Apri Voce completa

pag.75


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
» ARNIA
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 5 ° Ed.
ARNIA.
Definiz: Cassetta da pecchie. Latin. alveare, alvearium.
Esempio: Pallad. Le migliori arnie, sono di bucce, e scorze d'albero cavate, e di vimi, ma le pessime son quelle della terra, che la state rendono arsura, ec. Pongansi l'arnie in un luogo alto tre piedi, fatto di smalto, sì che gli animali nocivi non vi possano andare, e sieno coperte per l'acque, e per lo vento, ec. E quando vai a comperar l'api, pon mente l'árnia, che sia ben piena, laquale conoscerai, o per grande mormorío d'entro, o per molte di loro, che entrino, ed escano.
Esempio: Dan. Inf. c. 16. Già era in loco, ove s'udia il rimbombo, Dell'acqua, che cadea nell'altro giro, Simile a quel che l'arnie fanno rombo.
Esempio: Cr. 12. 4. 2. Si deono riveder l'api, nettar l'arnie, e uccidere i farfalloni.
Esempio: Rim. ant. Fra. Guittone. E biasimando escir di donna è tale, Come se fele, Rendesse arnia di mele.