Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 2° Ed. .
FORNICATORE
Apri Voce completa

pag.351


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 5 ° Ed.
FORNICATORE.
Definiz: Che fornica. Lat. fornicarius, scortator.
Esempio: Annot. Vang. Ogni fornicatore, o vero quegli, che è sozzo di peccato carnale.
Esempio: Amm. ant. Il fornicatore pensa, che niuno sia casto, il casto del fornicatore non si pensa di leggiere.
Esempio: Mor. San. Greg. Nè i fornicatori, ne quegli, che servono agl'Idoli, ne gli adulteri, possederanno il regno d'Iddio.
Esempio: Cavalc. fr. ling. Un notorio, e infame fornicatore, essendo richiesto a un sinodo, e concilio, temendo, ec.