Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 1° Ed. .
SCORTO
Apri Voce completa

pag.773


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 1 ° Ed.
» SCORTO
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
SCORTO.
Definiz: Accorto, avveduto. Latin. callidus, versutus cautus, peritus.
Esempio: Petr. Son. 244. Trema quando la vede in su la porta Dell'alma, ove m'ancide ancor sì scorta, sì dolce in vista.
Esempio: M. V. 8. 28. Con alquanti masnadieri scorti, e destri.
Esempio: G. V. 8. 10. 2. Fu cominciatore, e maestro in digrossare i Fiorentini, e fargli scorti in ben parlare.
Esempio: Bocc. Introd. n. 23. Eziandio i semplici far di ciò scorti, e non curanti.