Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 5° Ed. .
GIMÈ.
Apri Voce completa

pag.216


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 5 ° Ed.
GIMÈ.
Definiz: Sost. masc. Specie di frutice, che produce fiori bianchi e odorosi, detto oggi comunemente Mugherino scempio. Si disse anche Gelsomino del gimè; e con tal nome si designò altresì il Fiore del gimè, ossia il Mugherino. È il mogorium sambac dei Botanici.
Dall'indostanico gima, sanscrito gihma, che però è nome di altra pianta. –
Esempio: Red. Osserv. Anim. viv. 80: In quei fiori, che in Firenze si chiamano gelsomini del gimè, pestati il dì 5 di Luglio, vi vidi ec.
Esempio: E Poes. 273: Del tuo crine in sul tesoro.... Vedrai tu porsi da me Ghirlandetta Vezzosetta Di siringhe del gimè.
Esempio: Menz. Poes. 1, 201: Se poi vuol ghirlandette Di quel bel fior gentile, Che dal gimè si noma, ec.
Esempio: Magal. Lett. scient. 77: Un'altra volta poi, se colui, per pigliarsi gusto, mi dice di gelsomini del gimè, ne vo d'accordo.
Definiz: § E figuratam., per l'Odore che emana dai fiori del gimè. –
Esempio: Magal. Lett. scient. 77: Mi par di sentir subito il gimè.