Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 5° Ed. .
CUCCUMA.
Apri Voce completa

pag.1044


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 5 ° Ed.
Dizion. 5 ° Ed.
CUCCUMA.
Definiz: Sost. femm. Vaso grande di metallo più largo di corpo che alla bocca, con manico e beccuccio, per uso specialmente di tenerci e mescere il caffè e la cioccolata.
Dal lat. cucuma.
Definiz: § E figuratam. e in modo basso, Cuccuma vale Rancore, Sdegno, Bile, con imagine presa dal bollire che fa il liquido dentro di cotal vaso; onde la maniera Aver cuccuma o la cuccuma in corpo, significa Essere adirato o Adirarsi. –
Esempio: Varch. Ercol. 103: E se è adirato [si dice] egli ha cuccuma in corpo.
Esempio: E Varch. Err. Giov. 37: Il vero fu, che il Malatesta che avea, come si dice, la cuccuma in corpo, lo consigliò e confortò a ciò fare.
Esempio: Allegr. Rim. Lett. 97: E come quel ne va dal lett'al cesso A vomitar la cuccuma indigesta.