Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 4° Ed. .
STRANIARE.
Apri Voce completa

pag.767


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
STRANIARE.
Definiz: Allontanare, Alienare. Lat. alienare, abalienare, avocare, avertere, disiungere.
Esempio: Dant. Purg. 33. Non mi ricorda, Ch'io straniassi me giammai da voi.
Esempio: Liv. M. E per loro conforto gli straniaro da' Romani.
Esempio: Mor. S. Greg. 1. 7. Suole l'abbondanza del mondo tanto più straniar la mente dell'amor di Dio, quanto ec.
Esempio: Libr. Maccab. 9. Non attenne le sue promessioni, anzi mentío di ciò, che promesso avea, e straniossi da Gionata.