Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 4° Ed. .
AFFRAGNERE, e AFFRANGERE.
Apri Voce completa

pag.81


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 5 ° Ed.
AFFRAGNERE, e AFFRANGERE.
Definiz: Quasi infragnere. Lat. frangere, infringere. Gr. κατάγειν, ἐπιτρίβειν.
Esempio: Franc. Sacch. nov. 49. E che ci hanno a fare l'aste, che t'affranga Dio, e la Matre?
Esempio: E Franc. Sacch. nov. 159. Dove ci ponesti questa barbuta, che t'affranga Cristo, e la Madre?
Esempio: Fr. Iac. T. 2. 2. 45. Se la concupiscenza mai lo affragne, Dagli rimedio nella sua affrantura.
Esempio: Morg. 9. 11. Che poichè pur di duol la mente affrango, Con teco insieme me ne menerai.
Definiz: §. Per metaf. vale Straccare, Affievolire. Lat. debilitare, fatigare. Gr. καταγνύειν.
Esempio: Dant. Purg. 27. Che la natura del monte ci affranse La possa del salir.
Esempio: E Dan. Purg. 30. Non era di stupor tremando tremando affranto.