Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 2° Ed. .
STANCO
Apri Voce completa

pag.834


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 2 ° Ed.
» STANCO
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
STANCO.
Definiz: Stracco: che ha diminuite, e affiebolite le forze. Lat. lassus, defessus.
Esempio: Bocc. nov. 67. 11. Essendo stanco s'andò a dormire.
Esempio: Petr. Son. 205. Mira quel colle, o stanco mio cuor vago.
Esempio: E Petr. son. 219. Così gli afflitti, e stanchi spirti miei, A poco a poco consumando, fugge.
Esempio: Dan. Inf. 33. In picciol tempo mi paréno stanchi Lo padre e i figli.
Esempio: E Dan. Parad. 9. E stanco chi 'l pesasse ad oncia, ad oncia.
Definiz: ¶ E mano stanca, per sinistra.
Esempio: Dan. Inf. 19. Volgemmo, e discendemmo a mano stanca.