Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 4° Ed. .
SPARARE
Apri Voce completa

pag.635


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
» SPARARE
Dizion. 3 ° Ed.
SPARARE.
Definiz: Propriamente Fender la pancia per cavarne gl'interiori. Lat. exenterare. Gr. ἐξεντερίζειν.
Esempio: G. V. 12. 16. 15. Fu morto ec. e sparato, e sbarrato, come porco.
Esempio: Com. Inf. 9. Perseo prese il regno di Medusa, tagliolle la testa, sparolle il ventre.
Esempio: Maestruzz. 1. 46. Desi adunque isparare la donna, s'ell'è morta.
Definiz: §. I. Sparare, è anche Contrario d'Imparare. Lat. dediscere. Gr. ἀπομανθάνειν.
Esempio: Pataff. 5. Chi ha sparato a trescar su' sciagura.
Esempio: Franc. Sacch. rim. 50. Così chi dee apparar mai non impara, E chi ha apparato tosto spara.
Esempio: Sen. Pist. Molte altre cose, le quali sarebbono da sparare, se tu le sapessi.
Definiz: §. II. Sparare, l'usiamo anche per lo Contrario di Parare; come Sparar la casa, cioè Spogliarla de' paramenti. Lat. ornamenta tollere. Gr. ἀπογυμνᾶν.
Definiz: §. III. Sparare, parlandosi d'Armi da fuoco, vale Scaricarle. Lat. displodere. Gr. διακροτεῖν.
Esempio: Varch. stor. 8. 191. Mentrechè nel far la mostra facevano la chiocciola, e sparavano gli archibusi.
Esempio: Matt. Franz. rim. burl. 3. 101. Muovesi allora il cacciatore in fretta, Poi alla volta sua ne va tentone, Tanto che spari, e che gli dia la stretta.
Definiz: §. IV. Per similit. Scagliare. Lat. iacere, iaculari. Gr. ῥίπτειν.
Esempio: Tac. Dav. stor. 2. 279. Con una torre in sull'ultima nave del ponte, per tenere, sparando tiri, il nimico discosto.
Definiz: §. V. Sparare, si dice anche del Cavallo, che tira i calci a coppia.
Definiz: §. VI. Spararsi per alcuno, vale Impegnarsi anche a costo della vita a pro d'alcuno, Fargli ogni sorta di servigio anche con proprio incomodo.
Esempio: Malm. 2. 4. Ed in lor pro sarebbesi sparato.