Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 3° Ed. .
URTARE
Apri Voce completa

pag.1814


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
URTARE.
Definiz: Spignere incontro con impeto, e violenza. Lat. urgere, impellere.
Esempio: Fiamm. lib. 6. 15. Disavvedutamente, portato dall'empito del suo salto, m'urtò gravemente.
Esempio: Petr. Cap. 10. Urtar come leoni, e come draghi, Colle code avvinghiarsi.
Esempio: Dant. Inf. 26. Sicchè s'io non avessi un ronchion preso, Caduto sarei giù, sanza essere urto [sincopa in vece d'urtato]
Esempio: G. V. 8. 55. 15. Pigneano pure innanzi, urtando i loro cavalli.
Esempio: M. V. 11. 5. Urtò forte contra i nimici.
Esempio: Bern. Orl. 1. 5. 42. Ma chi urta col muro è suo il dolore.
Definiz: §. Per metaf. Contraddire, venire in controversia.
Esempio: G. V. 9. 50. 1. Prese consiglio lo 'mperadore di non urtare co' Fiorentini.