Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 5° Ed. .
BOZZIMA
Apri Voce completa

pag.250


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 5 ° Ed.
» BOZZIMA
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
BOZZIMA.
Definiz: Sost. femm. Intriso di stacciatura o di cruschello, di untume e d'acqua, col quale si frega la tela di canapa o di lino in telaio per rammorbidirla; lo che si dice Imbozzimare.
Dal grec. ἀπόζεμα, decotto. –
Esempio: Poliz. Rim. 2, 30: Tuttavia il naso gli gocciola, Sa di bozzima e di sugna.
Definiz: § E per Mescuglio di varie cose, in senso dispregiativo. –
Esempio: Car. Apol. 191: Ma sapete quel che ne farei, s'io fosse voi? Una bozzima di tutta insieme.
Esempio: Bellin. Framm. Lett. 315: Eccovi una votata delle mie ciarle, qual io vi mando con animo di farvi bene; ma è facil cosa che vi riesca qualche bozzima da ciurmatore.