Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 3° Ed. .
SPARSO
Apri Voce completa

pag.1573


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
» SPARSO
SPARSO.
Definiz: Add. da Spargere. Lat. sparsus.
Esempio: Dan. Purg. 14. Visto m'avresti di livore sparso [cioè cosperso, e macchiato. Lat. conspersus, maculatus]
Definiz: §. Vasi sparsi: si dicono Quelli, che si allargano in superficie piana, ed aperta. Lat. planus, latus, expansus, sparsus.
Esempio: Sag. Nat. Esp. 168. In bicchieri cupi, e in tazze sparse.
Definiz: §. Sparso: Disunito, che è in qua, e 'n la. Lat. dispersus, sparsus, fusus.
Esempio: Petr. Canz. 31. 2. E me tenne un, ch'or son diviso, e sparso.
Esempio: E Petr. Son. 1. Voi che ascoltate in rime sparse il suono.
Esempio: E Petr. Canz. 26. 5. De' be' vestigi sparsi, Ancor tra i fiori, e l'erba.
Esempio: E Petr. Son. 278. Or vo piangendo il suo cenere sparso.