Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 2° Ed. .
VESTIRE
Apri Voce completa

pag.923


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
VESTIRE
Definiz: verbo. Mettere indosso altrui il vestimento. Lat. vestire induere.
Esempio: Bocc. nov. 28. 16. Trattoli i suoi vestimenti, e, a guisa di monaco, vestitolo.
Esempio: E Bocc. nov. 12. 13. La donna gli fece apprestar panni, ec. li quali, come vestiti s'ebbe, a suo dosso fatti parevano.
Esempio: E Bocc. n. 80. 11. Ma poichè tempo parve di levarsi alla donna, fatte veníre le schiave, si vestirono.
Esempio: E Bocc. nov. 82. 8. E come meglio seppe si vestì al buio.
Definiz: ¶ Per portar vestimento, aver vestimento in dosso.
Esempio: Boc. n. 8. 3. Che usi sono di nobilmente vestire.
Esempio: Dan. Pur. 12. A noi venia la creatura bella, bianco vestita.
Esempio: E Dan. Inf. 23. Tanto che solo una camicia vesta.
Definiz: ¶ Per similitud.
Esempio: Petr. canz. 26. 1. Così vestisse d'un color conforme.
Definiz: ¶ Per metaf. ornarsi. Lat. ornare.
Esempio: Dan. Purg. 7. Quivi sto io con quei che le tre sante Virtù non si vestíro.
Esempio: Petr. Son. 277. Che i vizj spoglia, e virtù veste, e onore.
Esempio: E Petr. son. 90. Or vestirsi onestade, or leggiadría.
Definiz: ¶ Diciamo in proverbio Nascer vestito, che vale essere avventurato, preso da quegli, che nascon rinvolti nella secondina. Gli antichi dicevano in simil proposito. Capram celestem orientem conspexit.