Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 4° Ed. .
AVALE
Apri Voce completa

pag.327


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
» AVALE
AVALE.
Definiz: Avverb. di tempo, e vale lo stesso, che Ora, Testè, Adesso. Lat. modo, nuper. Gr. νῦν.
Esempio: Vend. Crist. E credo avale fermamente, che quello Cristo fosse, e fue criatore del cielo, e della terra.
Esempio: Pataff. 6. E il diavol nol baciò avale in bocca.
Esempio: But. Purg. 2. Voi, che siate venuti avale.
Esempio: Ninf. Fies. Oh lasso a me, ch'i' mi credeva avale, Che morte ti tenesse in suo' catene.
Definiz: §. Oggi rimasa nel contado.
Esempio: Lor. Med. Nenc. 14. Io t'ho recato un mazzo di spruneggi, Con coccole, ch'io colsi avale, avale.
Esempio: E Lorenz. Med. Nencia 17. Aval, ch'e' viene il mosto, e i castagnacci.
Esempio: Bern. Catr. O tu mi gratti, Nanni, aval, la rogna.