Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 4° Ed. .
PRESTO.
Apri Voce completa

pag.712


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
PRESTO.
Definiz: Avverbio. Subito, Tosto, Subitamente, Prestamente. Lat. subito, illico. Gr. εὐθύς, αὐτίκα.
Esempio: Bocc. nov. 15. 6. Andreuccio presto, senza alcuna cosa dire nell'albergo, disse.
Esempio: E Bocc. num. 38. Mise uno strido grandissimo, e presto dell'arca si gittò fuori.
Esempio: Petr. canz. 45. 2. Come a corrier tra via, se 'l cibo manca, Convien per forza rallentar il corso, Scemando la vertù, che 'l fea gir presto.
Esempio: F. V. 11. 90. Vennono presto a' rimedj.
Esempio: Dav. Colt. 182. Il frutto anche egli diviene di gentile complessione, e muor presto.
Esempio: E Dav. Colt. appresso: Egli mette le barbe poco addentro, e vannosene presto a galla tralle due terre.
Esempio: Cas. lett. 6. Sperando, che ella lo rimanderà assai presto.
Definiz: §. Più presto.
v. PIÙ PRESTO.