Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 4° Ed. .
NOTTETEMPO
Apri Voce completa

pag.361


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
NOTTETEMPO.
Definiz: Posto avverbialm. che anche si dice DI NOTTETEMPO, Nel tempo della notte. Lat. noctu. Gr. διὰ νυκτός.
Esempio: Libr. Viagg. Andò egli di nottetempo, e aperse la detta sepoltura.
Esempio: Pass. 230. E venendo di nottetempo alla cella di costui cominciò a rammaricarsi dolorosamente della sua sventura.
Esempio: Buon. Fier. 2. 4. 20. Questo, siccome tali altri epigrammi, Fu fatto nottetempo.