Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 5° Ed. .
CAVADENTI
Apri Voce completa

pag.690


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 5 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
CAVADENTI.
Definiz: Sost. masc. Quegli che esercita l'arte di cavare i denti. Oggi comunemente diciamo Dentista, intendendo per Cavadenti, più che altro, il Ciarlatano che esercita anche quest'arte su per le piazze. –
Esempio: Benciv. Cur. malatt. volg.: Se questa medicina non giova, fa di mestiere servirsi del cavadenti.
Esempio: Cas. Pros. 2, 80: Ci fa sovvenire di questi cavadenti, che noi veggiamo salir su per le panche.
Esempio: Mattiol. Disc. 1, 348: E però non ci dobbiamo maravigliare se alle volte veggiamo alcuni cavadenti nelle pubbliche piazze cavarli senza ferro e senza dolore.
Esempio: Allegr. Rim. Lett. 282: E mi fermo talora sbigottito, Come chi siede appiè del cavadenti.
Esempio: Tasson. Secch. rap. 1, 27: Uccise appresso a lui mastro Galasso, Cavadenti perfetto e ciurmatore.