Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 2° Ed. .
PERDONO
Apri Voce completa

pag.596


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
» PERDONO
Dizion. 4 ° Ed.
PERDONO.
Definiz: Perdonanza.
Esempio: Bocc. n. 78. 6. Piangendo gl'incominciò a chieder perdono.
Esempio: Petr. canz. 32. 5. Ond'io chieggio perdono a queste frondi.
Esempio: Dan. Purg. 5. Diss'io alquanto del color cosperso, Che fa l'huom di perdon tal volta degno.
Definiz: ¶ Per chiesa, o altro luogo pio, dove sia l'indulgenza.
Esempio: Dan. Purg. 13. Così li ciechi, a cui la roba falla, Stanno a' perdoni, a chieder lor bisogna.
Esempio: Bocc. n. 2. 7. E perciò questa fatica, per mio consiglio, ti serberai in altra volta ad alcun perdono, al quale io, peravventura, ti farò compagnia.