Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 4° Ed. .
DELEGATO
Apri Voce completa

pag.68


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 5 ° Ed.
DELEGATO.
Definiz: Add. da Delegare; e dicesi al Giudice, che è deputato dal Principe al giudicio d'una causa particolare, e al Giudice della causa commessa. Lat. delegatus.
Esempio: G. V. 12. 42. 2. Impetrasse in corte di Papa, o appo altro Legato, lettera, o brivilegio di giudice delegato in sua causa.
Esempio: Maestruzz. 2. 40. Puote il delegato iscomunicare di scomunicazione maggiore coloro, i quali participano nel favellare collo scomunicato da lui?
Esempio: E Maestruz. 2. 41. Quel medesimo crede del giudice delegato, se già probabilmente non si dubitasse della sua autoritade.