Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 4° Ed. .
STIMITE, e STIMATE.
Apri Voce completa

pag.746


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
STIMITE, e STIMATE.
Definiz: Le Cicatrici delle cinque piaghe di Gesucristo. Lat. stigmata. Gr. στίγματα.
Esempio: Cavalc. Specch. cr. Io porto le stimate di Cristo nel mio corpo.
Esempio: Esp. Salm. Quando si mosterrà Cristo colle stimite, e segni della passione.
Esempio: Franc. Sacch. nov. 207. A segnarlo delle sue preziose stimate sul santo monte della Vernia.
Definiz: §. I. Per Qualunque piaga, o cicatrice.
Esempio: Cavalc. tratt. pazienz. Stimate, secondochè dice S. Agostino, si chiamano i segni delle tribulazioni, e le pene, e le piaghe, che ebbe per Cristo ricevute.
Definiz: §. II. Far le stimite, diciamo Per Maravigliarsi, o Alzar le mani per la maraviglia; modo basso.
Esempio: Bellinc. son. 274. E le stimite fo, s'io veggo un grosso, Benchè io sia dalle pulci indanaiato.
Esempio: Varch. Ercol. 97. Non istate punto in dubbio, ch'ella maravigliandosi tra se, e faccendo le stimite, non dicesse ec.
Esempio: Morg. 21. 122. Quel messaggio le stimite facea.