Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 2° Ed. .
TRASTULLARE
Apri Voce completa

pag.892


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
TRASTULLARE.
Definiz: Trattenere altrui con diletti, per lo più, vani, e fanciulleschi. Latin. oblectare.
Esempio: Liv. M. Essendo costumato questo maestro di menare al trastullare i fanciulli, dinanzi dalla Cittade.
Esempio: Bocc. nov. 18. 39. Al trastullare i fanciulli intendea.
Esempio: Dan. Purg. 16. L'anima semplicetta, che sa nulla, Salvo, che mossa da lieto fattore, Volentier torna a ciò, che la trastulla.
Definiz: ¶ In signific. neutr. pass. passarsi tempo, prendersi passatempo. Latin. oblectari.
Esempio: Petr. canz. 19. 4. Volgete il lume, in cui Amor si trastulla.
Esempio: Sen. Pist. Volere andare trastullando ora quà, ora là, viene da infermo coraggio.
Esempio: Bocc. nov. 4. 10. Per lungo spazio con lei si trastullò.
Esempio: E Bocc. g. 8. f. 4. Chi a un diletto, e chi ad un'altro si diede, Le donne a far ghirlande, e a trastullarsi, ec. E dopo la cena, al modo usato, cantando e ballando, si trastullarono.
Esempio: E Bocc. nov. 21. 16. Col mutolo s'andavano a trastullare.
Esempio: Lab. n. 283. A guisa d'una fanciulletta lasciva, con certi animaletti, che in casa tiene, si trastulla.