Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 4° Ed. .
MERCANZÍA
Apri Voce completa

pag.210


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
MERCANZÍA.
Definiz: Mercatanzía. Lat. merx, mercatura, mercimonium. Gr. ἐμπορία, ἐμπόρευμα, τὸ ὤνιον.
Esempio: Cron. Morell. 260. Non vendere la tua mercanzía a chi la volesse sopraccomperare.
Esempio: E Cron. Mor. appresso: Non esser vago di mandare la tua mercanzía di fuori, se non v'hai uno, a cui ella tocchi, come a te.
Esempio: Franc. Sacch. rim. 23. La mercanzía tutta n'esaltava.
Definiz: §. Mercanzía, si dice in Firenze un Tribunale, che con autorità somma decide, e giudica le cause mercantili; ed ha particolar giuridizione nelle materie dell'esecuzioni civili.
Esempio: Varch. stor. 2. 33. La quale (casa) in quel tempo era allato alla Dogana al dirimpetto alla Mercanzía.
Esempio: Malm. 12. 11. Un altro ha una zanata di scritture, Ch'egli ha d'un piato della Mercanzía.