Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 5° Ed. .
CHILO
Apri Voce completa

pag.854


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 5 ° Ed.
» CHILO
Dizion. 4 ° Ed.
CHILO.
Definiz: Sost. masc. Fluido di un colore biancastro, che gli organi della digestione estraggono dagli alimenti, e il quale, passando per certi vasi, si converte in sangue.
Dal lat. chylus, e questo dal gr. χυλός. –
Esempio: Varch. Lez. Accad. 36: In questa prima digestione, che si fa nel ventricolo, o vero stomaco,.... si trasmuta il cibo in sugo, che i medici chiamano, pur con nome greco, chilo.
Esempio: Red. Cons. 1, 25: Trapelando negl'intestini il chilo acetoso e forte.
Esempio: Pap. Cons. med. 2, 17: Essendo cosa evidente, che la sostanza del sangue si produce dal chilo, che è l'ultima e la più perfetta sostanza degli alimenti.
Esempio: Ricc. L. Teofr. Caratt. 2, 203: Niuno.... mi negherà, che siccome nel corpo meccanico al cuore il nutrimento col chilo, che in sangue vi si converte, portandosi, n'esce poscia a dar vita ad ogni menoma particella, circolando, così ec.
Definiz: § Fare il chilo, dicesi per Stare in riposo dopo aver mangiato, a fine di far bene la digestione. –
Esempio: Panant. Poet. Teatr. 65: L'arciprete e lo zio, stesi in panciolle, Si messero a dormire e a fare il chilo.